Home » Medicina » Scienziati italiani tra i più religiosi al mondo, primi i turchi

Scienziati italiani tra i più religiosi al mondo, primi i turchi

Laborantin bei der ArbeitTurchia (85%), India (79%), Taiwan (74%), questo il podio dei Paesi in in cui si registra una maggiore percentuale di ricercatori che si dicono religiosi. Al quarto posto l’Italia con il 57%, ma il tradizionale conflitto tra scienza e religione sembra essere poco più che un luogo comune. Ad affermarlo è una ricerca della Rice University di Houston, presentata durante una conferenza nella stessa Università, su circa 10mila fisici e biologi di 8 Paesi del mondo. A primi quattro seguono Hong Kong, Usa, Uk e Francia con il 24%.

Se si guarda a quanto i ricercatori partecipano alle funzioni religiose almeno una volta al mese, la Turchia scende al 33% e l’Italia diventa terza con il 27%. In tutti i Paesi presi in esame la percentuale di ricercatori religiosi è inferiore a quella della popolazione generale. “Solo una piccola minoranza di ricercatori in ogni contesto regionale pensa che scienza e religione siano in conflitto”, afferma Howard Ecklund, uno degli autori della ricerca. “In Gran Bretagna, ad esempio, uno dei Paesi più ‘secolari’, solo il 32% del campione ne è convinto. Per molti invece – conclude – la religione può fornire un ‘supporto etico’ nelle ‘zone grigie’ della ricerca”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*