Schizofrenia: la “firma” della metilazione del DNA sulla patologia

(Reuters Health) – I dati sulla metilazione del DNA nel sangue dell’intero genoma hanno contribuito a generare una firma specifica per la schizofrenia. È quanto emerge da uno studio tedesco pubblicato da JAMA Psychiatry.

Ricerche precedenti avevano trovato solo collegamenti deboli tra le differenze di metilazione nei singoli geni e la schizofrenia, secondo Emanuel Schwarz dell’Università di Heidelberg e colleghi, autori dello studio.

Lo studio
Il team tedesco ha analizzato i dati di metilazione del DNA provenienti da oltre 2.200 campioni di sangue intero; il 56% proveniva da controlli sani e il 36% da persone con schizofrenia. Il resto arrivava da persone con disturbo depressivo maggiore, autismo o disturbo bipolare, nonché da parenti di primo grado di tutti i gruppi di pazienti.

Sono stati inoltre ottenuti dati sulla metilazione del DNA da 244 campioni post mortem di tessuto corticale prefrontale dorsolaterale (Dlpfc) da persone con schizofrenia e controlli sani.

I ricercatori hanno quindi utilizzato l’apprendimento automatico per identificare una firma epigenetica, che è stata quantificata come punteggio di polimetilazione (Pms).

Ulteriori dati di neuroimaging e di associazione su tutto il genoma da controlli sani sono stati usati per calcolare un punteggio di rischio poligenico (Prs) per la schizofrenia.

Il team ha quindi esaminato i dati relativi a oltre 7.400 partecipanti, di cui 3.158 con diagnosi di schizofrenia. La firma del punteggio di polimetilazione è stata significativamente associata alla schizofrenia attraverso tre serie di dati indipendenti e dati provenienti da campioni Dlpfc post mortem, ma non con disturbo depressivo maggiore, autismo o disturbo bipolare.

Le conclusioni
Gli esperti hanno avvertito che l’associazione dei farmaci con il punteggio di polimetilazione non può essere esclusa. Tuttavia, l’associazione tra il punteggio di polimetilazione e la connettività Dlpfc-Hc nei soggetti di controllo che non stavano assumendo farmaci “contraddice l’idea che la firma di metilazione identificata sia una conseguenza dei farmaci”.

I risultati “aiutano a caratterizzare l’associazione a livello di sistema tra rischio genetico, epigenetico e ambientale per la schizofrenia. Supportano ulteriormente l’uso della sindrome premestruale per strategie di scoperta di biomarcatori multimodali volte alla stratificazione della malattia e allo sviluppo di nuovi approcci terapeutici personalizzati”

Fonte: JAMA Psychiatry
Reuters Staff
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Post correlati

Lascia un commento

*