Home » Medicina » Salute: cresce la longevità, ma non migliora la qualità della vita

Salute: cresce la longevità, ma non migliora la qualità della vita

saluteL’aspettativa di vita è cresciuta in 35 anni di oltre 10 anni, ma la qualità fatica ancora a migliorare, in termini di malattie croniche e anni da trascorrere in cattiva salute (non a caso l’aspettativa di vita in buona salute e’ salita di 6,1 anni, meno quindi di quella complessiva che segna un +10,1 anni). Cambia anche il volto delle principali cause di morte, rappresentate oggi da malattie legate agli stili di vita e non più da quelle infettive, grazie soprattutto ai progressi nella cura di Hiv e malaria. A fare questo identikit sullo stato di salute nel mondo è un un numero speciale della rivista Lancet, disegnato da una ricerca senza precedenti su scala globale. che ha preso in esame – relativamente al periodo 1990-2015 –  dati per 249 cause di morte, 315 malattie, 79 fattori di rischio per malattie in 195 nazioni.

Le cause della cattiva salute
I dolori dell’apparato muscolo-scheletrico (lombosciatalgia, cervicalgia) sono in testa in questa speciale classifica anche in Italia. Seguono la perdita di vista e udito, i disturbi depressivi e anemia da carenza di ferro, cardiopatie, ictus e diabete. Per quanto riguarda le malattie croniche,  nel 2015 le otto più diffuse (che colpiscono, ciascuna, oltre una persona su 10) sono state le carie (2,3 miliardi di persone colpite), mal di testa (cefalea tensiva 1,5 miliardi, emicrania 959 milioni), l’anemia da carenza di ferro (1,47 miliardi), perdita di udito (1,2 miliardi),), herpes genitale (846 milioni), miopia e altri problemi di vista (819 milioni) e ascariasi (un parassita intestinale – 762 milioni).

Le principali minacce su scala globale
I principali fattori di rischio per disabilità e morte prematura sono oggi ampiamente legati ai comportamenti individuali; parliamo di obesità, pressione alta, fumo, eccesso di zuccheri nel sangue (iperglicemia). Altri fattori di rischio preponderanti riguardano l’alimentazione: diete troppo ricche di sale, povere di frutta e verdura, pesce, cereali integrali, semi e frutta secca; scelte alimentari che, insieme, causano il 10% della cattiva salute presente a livello globale). Sebbene il vizio del fumo sia calato di un quarto nel mondo, tale comportamento resta sempre tra le prime cinque cause di cattiva salute e fa 6,4 milioni di morti in un anno. Per l’Italia la top ten dei fattori di rischio è rappresentata nell’ordine da: pressione alta, fumo, glicemia alta, sovrappeso e obesita’, colesterolo alto, scarso consumo di cereali integrali, eccessivo consumo di sale, scarsa pratica di attività fisica, inquinamento atmosferico, problemi renali. Tanti i progressi fatti – specie nel Sud del Mondo – contro malattie infettive e igiene (reti idriche e fognarie), ma la malnutrizione e le morti neonatali e in gravidanza restano una piaga ancora da sanare. Infine si rilevano molte discrepanze nei paesi ricchi tra salute ‘attesa’ in base al livello socio demografico del singolo paese e sue performance reali nell’ambito della riduzione di malattie e fattori di rischio.

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*