Home » Medicina » Rischieresti la vita pur di evitare una pillola?

Rischieresti la vita pur di evitare una pillola?

Pillola

Una persona su tre ha dichiarato che preferirebbe rischiare di vivere meno a lungo piuttosto che assumere una pillola al giorno per prevenire le malattie cardiovascolari. Un recente sondaggio in materia promosso dall’American Heart Association ha portato a risultati sorprendenti: più dell’8% dei partecipanti si è detto disposto a rinunciare a due anni di vita pur di evitare medicine da assumere giornalmente ed il 13% dei soggetti interpellati ha dichiarato che pur di evitarle accetterebbe anche un minimo rischio di mortalità. Inoltre, circa il 21% dei partecipanti inoltre pagherebbe più che volentieri 1000 dollari o anche di più se questo consentisse di evitare la pillola quotidiana.

Questi dati dimostrano che, anche ignorando interamente l’aspetto relativo agli effetti collaterali, il semplice gesto di dover prendere una pillola ogni giorno può avere un forte impatto sulla qualità della vita di una persona. Tenendo conto del fatto che molte persone adulte assumono quotidianamente molteplici farmaci, l’effetto personale viene verosimilmente moltiplicato; a livello di popolazione, anche una piccola riduzione nella qualità della vita come quella evidenziata in questo modo, moltiplicata per milioni di persone, può avere un effetto molto importante sul rapporto costo/beneficio di un farmaco.

Peraltro, benché l’indagine presupponesse che i partecipanti non dovessero pagare nulla per i farmaci considerati e dovessero ignorare pienamente la possibilità che da essi derivassero effetti collaterali, i ricercatori non possono dirsi certi che questo non abbia in qualche modo influenzato le risposte. I dati raccolti, comunque, saranno utili al fine della pianificazione di interventi preventivi e, nello specifico, nella valutazione del rapporto costo/beneficio degli interventi per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. (Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes online 2015, pubblicato il 3/2)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*