Home » Medicina » Ricordare è una “scienza” che influenza il cervello

Ricordare è una “scienza” che influenza il cervello

cervelloA diversi tipi di memoria, corrispondono differenze permanenti nelle funzioni e nelle connessioni del cervello. C’è chi ricorda nei dettagli e chi si limita a trattenere i fatti in modo generale e questo influenza la nostra testa. A indagare le diversità tra memoria episodica, memoria dettagliata e memoria semantica, ovvero senza troppi particolari, è stato un gruppo di ricercatori del Rotman Research Institute presso il Baycrest Health Sciences di Toronto.

Per lo studio canadese, pubblicato sulla rivista Cortex, sono stati reclutati 66 giovani adulti sani chiamati a completare un sondaggio su quanto e in che modo ricordavano i propri eventi autobiografici. Successivamente i loro cervelli sono stati scansionati in stato di riposo con risonanza magnetica funzionale. Coloro che avevano ricordi autobiografici più dettagliati avevano una più alta connettività tra lobo temporale mediale e regioni della parte posteriore del cervello coinvolte nei processi visivi.

Quelli che ricordavano il passato più per concetti generali, invece, mostravano una maggiore connettività del lobo temporale mediale alle aree della parte anteriore del cervello coinvolta nell’organizzazione e nel ragionamento. Le implicazioni dello studio riguardano anche l’invecchiamento. “Con la demenza senile – spiega l’autore senior Brian Levine, professore di Psicologia all’Università di Toronto – una delle prime cose che si nota è la difficoltà a recuperare i dettagli. E proprio questa perdita di funzionalità potrebbe esser maggiormente percepita da chi ricorda in modo episodico”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*