Home » Medicina » Resveratrolo contro la progressione dell’Alzheimer

Resveratrolo contro la progressione dell’Alzheimer

shutterstock_242439133Secondo una ricerca condotta al Georgetown University Medical Center e pubblicata su Neurology, il resveratrolo – un composto naturale che si trova nell’uva rossa, nei lamponi, nel cioccolato fondente e in alcuni vini rossi –  potrebbe bloccare la progressione dell’Alzheimer. Lo studio in questione ha infatti evidenziato come un biomarcatore che diminuisce quando la malattia generalmente evolve,  è risultato invece stabilizzato nelle persone con una forma lieve o moderata della malattia che avevano assunto in dosi crescenti per più di un anno, una forma purificata di resveratrolo, non in commercio.

Lo studio ha coinvolto 119 persone, e la più alta dose di resveratrolo testata è stata un grammo per bocca due volte al giorno, equivalente alla quantità che è possibile trovare in circa 1.000 bottiglie di vino rosso. I pazienti trattati con dosi crescenti di resveratrolo più di 12 mesi hanno mostrato o un lieve cambiamento o nessun cambiamento nei livelli di amiloide-beta40 (Abeta40) nel sangue e nel liquido cerebrospinale. Al contrario, quelli trattati con un placebo hanno avuto una diminuzione dei livelli di Abeta40 rispetto all’inizio dello studio.

Dalla ricerca è emerso anche che il resveratrolo risultava abbastanza ben tollerato e sicuro e un altro effetto osservato è stato la perdita di peso nei pazienti che lo avevano assunto, al contrario di quelli del gruppo di controllo che invece avevano mostrato un aumento del peso.

“Data la sicurezza e l’andamento positivo di questo studio di fase 2, un grande studio di fase 3 è garantito per verificare se il resveratrolo sia efficace per le persone con Alzheimer o a rischio di svilupparlo”, spiega Scott Turner del Georgetown University Medical Center, che avverte anche che questi risultati non vanno interpretati per raccomandare il resveratrolo.

Lucia Limiti

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*