Home » Astronomia » Regali dallo spazio. Ritrovati resti di un meteorite caduto 60 milioni di anni fa

Regali dallo spazio. Ritrovati resti di un meteorite caduto 60 milioni di anni fa

Ha 60 milioni di anni il meteorite scoperto dai ricercatori guidati dal geologo Simon Drake, della britannica Birkbeck University, in quella che oggi è l’isola scozzese di Skye.

La scoperta
I ricercatori, come si legge sullo studio pubblicato su Geology, hanno individuato rocce che a prima vista sembravano ”depositi di lava” ha rilevato Drake. Ma analizzandole con una microsonda elettronica, i ricercatori hanno scoperto che contenevano un minerale raro arrivato direttamente dallo spazio: l’osbornite ricco di vanadio e di niobio. Questo minerale, infatti, non è presente sulla Terra, ma è stato individuato nei meteoriti e nei campioni della cometa Wild 2, raccolti dalla missione Stardust della Nasa.

Inoltre l’osbornite scoperta nell’isola scozzese non è fusa e ciò suggerisce che potrebbe trattarsi di un pezzo originale del meteorite che sarebbe caduto sulla Terra 60 milioni di anni fa. E’ stato anche identificato un tipo di zircone estremamente raro, che è sempre associato ad impatti di meteoriti. Altri minerali ‘alieni’ sono stati scoperti anche a sette chilometri di distanza e anche in un terzo sito nelle vicinanze di quest’ultimo. Il gruppo adesso intende scoprire quale tra questi siti sia il punto preciso dell’impatto e verificare se i detriti della collisione siano potuti arrivare così lontano.

Per i ricercatori la scoperta è stata una sorpresa perché l’isola è molto frequentata dai geologi e sembra strano che i minerali non siano stati individuati prima. Tuttavia, Drake sospetta che il terreno ripido, accidentato e molto paludoso, dove sono stati scoperti i minerali, abbia probabilmente scoraggiato i geologi che finora hanno studiato le rocce di Skye. ”Ricordo bene che mentre affondavamo fino alle cosce nella palude ci chiedevamo se ne sarebbe valsa la pena”, ha rilevato Drake. ”Adesso – ha proseguito – direi assolutamente sì”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*