Home » Ambiente » Quinoa: scoperto come resiste ai raggi ultravioletti B

Quinoa: scoperto come resiste ai raggi ultravioletti B

La quinoa, pianta erbacea della famiglia delle Chenopodiaceae dalla storia antichissima, non smette di stupire. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Pisa ha infatti scoperto che questa pianta, un tempo venerata come sacra dalle popolazioni Inca, riesce a resistere all’esposizione dei raggi ultravioletti estremi meglio di altre specie erbacee. L’università di Pisa ha precisato che lo studio è stato finanziato dalla Schlumberger Foundation a Thais Huarancca Reyes, assegnista della stessa università, nell’ambito del programma “Faculty for the Future”.

Lo studio
In particolare, spiega una nota dell’ateneo pisano, “i ricercatori hanno indagato le reazioni di difesa che la quinoa, una pianta sempre più utilizzata per le preziose qualità nutrizionali e nutraceutiche dei suoi semi, mette in atto per rispondere a dosi elevate di raggi ultravioletti di tipo B”.

Lo studio ha quindi messo in luce gli adattamenti metabolici e fisiologici grazie ai quali la quinoa riesce a rallentare i processi degenerativi (diretti e indiretti) tipici dello stress da raggi ultravioletti e che le garantiscono una sopravvivenza più lunga rispetto ad altre analoghe specie erbacee.

“La comprensione di queste caratteristiche – conclude Lorenzo Guglielminetti, coordinatore della ricerca – non riveste solo un interesse scientifico, ma apre anche scenari applicativi per il miglioramento genetico di altre colture agrarie in risposta allo stress da raggi ultravioletti”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*