Home » Hi-Tech » Quattro minori su 10 usano videogiochi violenti

Quattro minori su 10 usano videogiochi violenti

Che il videogioco fosse un passatempo diffuso, oramai è un’ovvietà da decenni. Nel nostro immaginario collettivo c’è il buon vecchio Super Mario che saltella qua e la o i calciatori Fifa contendersi una Champions. Oggi sono molti i giovani – e giovanissimi – che impiegano il loro tempo su videogiochi violenti, facilmente accessibili e fruibili a tutti. Ma c’è di più, pare che 4 minori su 10 facciano uso di videogiochi destinati ad un pubblico adulto. Secondo una ricerca Moige, il 35% sono studenti di scuola media mentre il 43,5%  di scuola superiore.

In questi giorni alla Camera è stata presenshutterstock_270377138tata la proposta di legge per limitare i rischi e regolamentare il settore: “Norme a tutela dei minori in materia di diffusione e vendita di videogiochi”, con lo scopo di introdurre nel nostro ordinamento una regolamentazione alla diffusione di giochi dai contenuti violenti o pornografici.  Il testo, oltre al divieto di vendita di videogiochi non adatti a minori, introduce l’obbligo di indicare sulla confezione la classificazione PEGI (Pan European game information), che classifica questi prodotti in base ad età e contenuti.

Un passo verso la regolamentazione legislativa è quindi in atto ma non sarà sufficiente. Questo perchè il dato sull’ “abuso” è allarmante. Come affrontano il problema i genitori dei giovani video-dipendenti? In fondo i ragazzi agiscono proprio davanti ai loro occhi. Sono occhi che non vogliono vedere? Il fatto che oggi ci sia una proposta di legge di certo non li scagiona.

Silvia Brugnara

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*