Home » Medicina » Psoriasi: gli inibitori del TNF abbassano il rischio cardiovascolare

Psoriasi: gli inibitori del TNF abbassano il rischio cardiovascolare

psoriasi(Reuters Health) – I pazienti affetti da psoriasi trattati con inibitori del fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF) possono avere un minor rischio di eventi cardiovascolari maggiori  rispetto a quelli trattati con metotrexato (MTX). È la conclusione cui giunge uno studio condotot in California e pubblicato dal Journal of American Academy of Dermatology.”I risultati non mi sorprendono. Gli inibitori del TNF controllano l’infiammazione meglio del metotrexato”, dice il principale autore dello studio, Jashin J. Wu del Kaiser Permanente Los Angeles Medical Center in California.

Lo studio
Utilizzando i dati del Truven MarketScan Database, Wu e colleghi hanno classificato i pazienti adulti affetti da psoriasi, che hanno avuto due o più prescrizioni di inibitori del TNF o di MTX,  rispettivamente come utilizzatori di TNF o di MTX.
A 12 mesi, i 9.148 pazienti trattati con gli inibitori del TNF hanno fatto registrare un minor numero di eventi cardiovascolari rispetto agli 8.581 che hanno fatto uso di MTX (Kaplan-Meier rates: 1,45% vs 4,09%: p <0.01). Nel corso di un follow-up mediano di 24 mesi, ogni periodo di esposizione cumulativa di sei mesi agli inibitori del TNF è stato associato con un calo dell’11% nel rischio di eventi CV (p = 0,02).
La co-autrice e analista di dati Annie Guerin, vice presidente di Analysis Group di Boston, aggiunge che “l’impatto del trattamento della psoriasi va oltre la gestione dei sintomi cutanei. In questo studio, gli inibitori del TNF sono stati associati a un ridotto rischio di eventi cardiovascolari, e l’esposizione cumulativa agli inibitori del TNF ha portato a un riduzione del rischio incrementale di evento cardiovascolare. Quando si prendono decisioni di trattamento, dovrebbe essere considerata anche la contestuale riduzione del rischio cardiovascolare”.

Le conclusioni
“È stato importante realizzare questo studio per vedere se il trattamento di pazienti con inibitori del TNF migliora qualcosa più della psoriasi – spiega Wu -. Forse gli inibitori del TNF devono essere prescritti prima, al posto del metrotrexato anche se molti piani sanitari richiedono che prima i pazienti provino con questo farmaco”.
Gli autori hanno riconosciuto che la mancanza di misure di valutazione clinica è una limitazione del loro studio. “Ulteriori lavori sono raccomandati per confrontare il rischio cardiovascolare tra le altre opzioni di trattamento per la psoriasi”, aggiunge Guerin.
D’accordo anche Wu, che ha spiegato che vorrebbe capire se altri farmaci biologici per la psoriasi migliorano anche eventi avversi cardiovascolari maggiori.

Fonte: J Am Acad Dermatol 2016

Lorraine L. Janeczko

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*