Home » Medicina » Psicologia: il bullismo condiziona per anni il rendimento scolastico

Psicologia: il bullismo condiziona per anni il rendimento scolastico

(Reuters Health) – Il bullismo a scuola non solo influisce sulla vita emotiva e sociale delle vittime, ma ne condiziona anche il rendimento scolastico.
Quando terminano le azioni di bullismo nei loro confronti – soprattutto se avvengono durante i primi anni di scuola –  i ragazzi migliorano nel rendimento scolastico e acquisiscono maggiore autostima. Questa evidenza emerge da uno studio americano che ha seguito quasi 400 bambini dalla scuola materna al liceo.

Lo studio
Ladd e colleghi, dell’Arizona State University di Tempe, hanno seguito 383 bambini – quasi equamente divisi tra maschi e femmine – dalla scuola materna fino al liceo. Con indagini regolari, i ricercatori hanno misurato il grado e la frequenza delle vittimizzazione tra pari che i bambini hanno sperimentato – tra cui il bullismo fisico, verbale e relazionale – così come la percezione della performance scolastica e il livello di impegno scolastico. Hanno anche valutato gli insegnanti per misurare il rendimento scolastico.
Sulla base di questi dati, il team ha classificato la vittimizzazione in cinque tipi in base a quando è iniziata, a quando si è conclusa e all’intensità che ha avuto. Alcuni bambini non sono mai stati (o lo sono stati raramente) vittima di bullismo, alcuni sono stati perseguitati nei loro primi anni di scuola, ma non nei successivi, mentre altri ancora sono sempre stati vittime del bullismo.

I risultati
Nella scuola dell’infanzia, il 21% dei bambini ha avuto esperienza di vittimizzazione grave e un altro 38% ha sperimentato un livello moderato di bullismo. Queste proporzioni sono diminuite costantemente nel corso degli anni, fino all’ultimo anno di liceo, quando meno dell’1% è stato vittima di un attacco grave e poco meno dell’11% è stato moderatamente bullizzato. Tuttavia, nel corso degli anni, il 24% dei bambini è stato classificato nella categoria della vittimizzazione cronica. Questi sono stati anche quelli con maggiori probabilità di avere uno scarso rendimento scolastico (soprattutto in matematica) e una cattiva percezione accademica si sé. Tra i cinque gruppi Ladd e colleghi hanno notato che le vittime nei primi anni della scuola di solito sono riusciti ad affrancarsi dal bullismo nel tempo.

Fonte: J Educ Psychol 2017

Carlolyn Crist

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*