Home » Medicina » Problemi comportamentali da bambini e insonnia da adulti

Problemi comportamentali da bambini e insonnia da adulti

(Reuters Health) – Trattare problemi comportamentali dei bambini riduce il rischio che da adulti soffrano di insonnia. A questa conclusione è giunto uno studio condotto in Australia e pubblicato da JAMA Network Open.

Lo studio
I ricercatori dell’Adelaide Institute for Sleep – guidati da Yohannes Adama Melaku – hanno seguito 8.050 persone per più di quarant’anni, valutandone i problemi comportamentali all’età di 5, 10 e 16 anni e somministrando questionari sul sonno quando hanno compiuto 42 anni.

Nel complesso, il 78% dei bimbi aveva un comportamento normale all’età di 5 anni, mentre il 13% presentava problemi comportamentali di grado moderato e il 4% di grado grave.

I piccoli con gravi problemi a livello comportamentale avevano il 39% in più delle probabilità di soffrire di insonnia da adulti rispetto a quelli con un comportamento normale.

“Il legame tra comportamento da bambini e insonnia da adulti potrebbe essere in parte spiegato da problemi di sonno durante l’infanzia”, osserva Yohannes Adama Melaku, autore principale dello studio “Trattare i problemi comportamentali e di sonno durante l’infanzia potrebbe ridurre il rischio di insonnia in età adulta.

Il campione valutato da Melaku e colleghi è parte di uno studio a lungo termine, tuttora in corso, su un gruppo di bambini nati in UK nel 1970.

Durante l’infanzia e l’adolescenza, i ricercatori hanno chiesto ai genitori di giudicare quanto spesso i bambini mostrassero gravi comportamenti che potevano combinarsi a problemi di comunicazione, come essere irrequieti, distruggere o danneggiare cose, litigare con altri bimbi, non piacere agli altri bimbi, preoccuparsi di tante cose, essere solitari, essere timorosi o ansiosi, non andare a scuola, essere agitati di fronte a situazioni nuove o essere vittime o perpetratori di bullismo.

Per valutare i sintomi dell’insonnia durante l’infanzia, i ricercatori hanno chiesto ai genitori quanto spesso i figli avessero difficoltà ad addormentarsi entro 30 minuti dal coricamento, avessero difficoltà a prendere sonno o a restare addormentati e quanti si sentissero non riposati quando si svegliavano la mattina.

Da adulti, i partecipanti con problemi di sonno da moderati a gravi durante l’infanzia avevano il 40% in più delle probabilità di soffrire di insonnia rispetto a quelli che non avevano conosciuto tali problemi da bambini.

Chi a 5 anni non aveva problemi a dormire ma successivamente entro i 16 anni aveva sviluppato problemi di sonno da moderati a gravi aveva il 34% in più delle probabilità di manifestare insonnia in età adulta.

Dopo l’aggiustamento per altri fattori che avrebbero potuto influenzare il rischio, i ricercatori hanno stimato che circa il 16% dell’associazione tra problemi comportamentali durante l’infanzia e insonnia in età adulta poteva essere spiegata da difficoltà a dormire quando i soggetti avevano cinque anni.
Tuttavia, avvertono gli autori, la natura esatta di tale connessione non è chiara e richiede ulteriori ricerche.

I commenti
“Comprendere come i problemi comportamentali da bambini possono causare disturbi del sonno da adulti dipende davvero dai motivi alla base di tali problemi”, ha affermato Kelly Sullivan, ricercatrice presso la Georgia Southern University non coinvolta nello studio. “Alcuni problemi comportamentali infantili sono causati da esperienze negative e stress, che è stato dimostrato sono in grado di trasformare biologicamente il cervello e influire su salute, apprendimento e comportamento. Altri bambini hanno patologie soggiacenti che potrebbero compromettere lo sviluppo della funzione esecutiva e dell’autocontrollo”.

Fonte: JAMA Network Open 2019
Lisa Rapaport
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*