Home » Medicina » Pressione alta: scoperta nuova possibile cura

Pressione alta: scoperta nuova possibile cura

linfocitiBloccare l’uscita dalla milza di cellule del sistema immunitario; questa la nuova via che si potrebbe percorrere per contrastare la pressione alta. Il merito della scoperta va ad un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli (IS) i quali hanno dimostrato che se con una tecnica chirurgica si impedisce l’uscita dalla milza dei linfociti T, si può controllare la pressione alta. Condotto da Daniela Carnevale, lo studio su animali è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Lo studio
Per bloccare l’uscita dei linfociti T gli esperti hanno usato una tecnica chiamata ‘ablazione’ con cui hanno ”bruciato” un nervo (il nervo splenico) che da’, appunto, il comando di uscita a queste cellule immunitarie. La ricerca prende avvio dalla conoscenza che i linfociti T, vengono attivati nella milza per poi liberarsi nel sangue e migrare verso i compartimenti vascolari dei diversi organi. In questo modo, da una parte contribuiscono a causare direttamente l’aumento della pressione del sangue, dall’altra provocano i danni tipici dell’ipertensione agli organi.

Gli esperti hanno dimostrato che impedendo l’uscita dei linfociti T dalla milza tutto ciò si può prevenire. Per impedirlo, hanno interrotto il nervo splenico con un intervento di termoablazione (l’uso di alte temperature per distruggere tessuti). “Abbiamo visto – spiega Carnevale – che in questo modo l’attivazione e la liberazione di linfociti T dalla milza viene bloccata, inibendo così l’instaurarsi della condizione ipertensiva. Pensiamo che questi risultati possano aprire la strada ad applicazioni cliniche per tutti quei pazienti in cui le terapie attualmente usate si stiano rivelando inefficaci”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*