Home » Energia » Pioggia non ti temo. Realizzato fotovoltaico che sfrutta l’energia delle gocce

Pioggia non ti temo. Realizzato fotovoltaico che sfrutta l’energia delle gocce

Arriva dalla Cina la nuova generazione di celle solari ibride in grado di produrre energia sfruttando anche il movimento delle gocce di pioggia. Il fotovoltaico del futuro non si fermerà quindi neanche di fronte ai temporali. Descritte sulla rivista Acs Nano dai ricercatori della Soochow University in Cina, in futuro potrebbero essere perfino “tessute” per produrre cappotti hi-tech capaci di alimentare i nostri dispositivi portatili con ogni genere di condizione meteo.

La tecnologia
Le nuove celle ibride
sono formate dall’unione di una tradizionale cella solare in silicio con un nanogeneratore trasparente che converte l’energia meccanica delle gocce di pioggia in elettricità. Lo fa sfruttando l’effetto triboelettrico, che determina il trasferimento di cariche elettriche tra due corpi di materiale diverso (di cui almeno uno isolante) quando vengono strofinati fra loro: in pratica è lo stesso fenomeno che fa elettrizzare i capelli quando togliamo un maglione di acrilico, e che ci permette di attirare dei pezzetti di carta con una biro sfregata con un panno.

In passato diversi gruppi di ricerca avevano già provato a integrare un nanogeneratore triboelettrico (Teng) con una cella solare, ma il team cinese è il primo ad averlo fatto inserendo un elettrodo condiviso tra i due dispositivi, migliorandone design ed efficienza. In particolare, il nanogeneratore costituisce una barriera idrorepellente che protegge la cella solare dall’acqua, mentre la trama disegnata sulla superficie dell’elettrodo permette di sfruttare al massimo la luce solare, riducendone la dispersione sotto forma di riflessi. L’unico problema, legato alla condivisione dell’elettrodo tra i due dispositivi, è che non possono funzionare in contemporanea, ad esempio quando piove col sole: un’evenienza per fortuna non molto frequente.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*