Home » Gadget » Pesca una carta. Come fanno i maghi?

Pesca una carta. Come fanno i maghi?

Scegli una carta

Come fanno i maghi a spingere il pubblico a scegliere una certa carta senza che nessuno se ne renda conto? Un gruppo di ricercatori canadesi ha combinato l’arte della divinazione e la scienza della psicologia per dimostrare come alcuni fattori contestuali possano indirizzare le decisioni che le persone prendono, anche se pensano di decidere liberamente: si tratta di una scoperta con potenziali implicazioni anche per i processi decisionali quotidiani.

Le persone tendono a prediligere opzioni che sono più salienti o catturano maggiormente l’attenzione, ma non sanno perché lo fanno. È stato possibile indirizzare la scelta del 98% delle persone su una certa carta più prominente rispetto alle altre nel mazzo, anche se 9 soggetti su 10 hanno avuto la sensazione di scegliere liberamente, e molti concepiscono anche delle possibili spiegazioni per la loro scelta (ad esempio, il fatto che i cuori sono un simbolo comune, o che il rosso risalta sul nero). Tuttavia, conducendo lo stesso tipo di esperimento non con un vero mazzo di carte, ma con un programma informatico che ne riproduceva uno, il risultato è molto meno eclatante, probabilmente perché in questo modo vengono meno i fattori sociali e situazionali che caratterizzano un trucco di prestigio.

In un numero di magia, ad esempio, gli spettatori possono essere influenzati dalla personalità dell’artista, dalle aspettative create dalla preparazione del numero e dalla pressione a scegliere una carta rapidamente. La magia fornisce un punto di vista inusitato per esaminare e rivelare il comportamento e la processazione delle funzionalità cerebrali superiori. Sussiste, infatti, un’intera nuova gamma di ricerche che collegano le arti magiche ai principi delle scienze psicologiche e neurali. Si tratta di un connubio con il potenziale di chiarire aspetti fondamentali delle scienze comportamentali ed allo stesso tempo di far avanzare l’arte della prestidigitazione. (Consciousness and Cognition online 2015, pubblicato il 9/2)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*