Home » Medicina » Parkinson: rallentare la malattia con vitamina B3

Parkinson: rallentare la malattia con vitamina B3

Per arrestare la progressione della malattia di Parkinson e arginare quindi la morte dei neuroni grazie alla vitamina B3 (nicotinamide riboside). A suggerirlo è uno studio su cellule di pazienti e su animali condotto da Michela Deleidi dell’Università tedesca di Tbingen la quale ha riferito di essere in procinto di iniziare i test su pazienti (la vitamina è già dimostrata sicura sui soggetti sani, quindi è prevedibile un iter sperimentale un po’ più veloce). La ricerca è stata pubblicata su Cell Reports.

Il Parkinson è una malattia degenerativa caratterizzata da morte progressiva dei ‘neuroni dopaminergici’, che controllano i movimenti. Vi è il sospetto che le cellule muoiano per difetti di approvvigionamento energetico. Nella prima parte dello studio Deleidi ha usato cellule di pelle di pazienti con Parkinson e le ha trasformate in neuroni, dimostrando che nei pazienti le cellule, ed i neuroni in particolare, hanno difetti a carico delle ‘centraline elettriche’ – i mitocondri – organelli cellulari che servono a fornire energia alle cellule stesse.

Poi la scienziata ha ‘alimentato’ tali cellule con vitamina B3 dimostrando che la vitamina riesce a prevenirne la morte, favorendo lo sviluppo di nuovi mitocondri sani al loro interno. Da ultimo Deleidi ha continuato gli esperimenti con moscerini con una specie di Parkinson e visto che dando loro nicotinamide riboside, la malattia progredisce più lentamente e gli insetti riescono a mantenere il controllo dei movimenti. Il prossimo passo è testare, quindi, la vitamina sui pazienti con Parkinson, conclude l’esperta.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*