Home » Medicina » Obesità: inefficaci le attività di prevenzione rivolte ai bambini in età prescolare

Obesità: inefficaci le attività di prevenzione rivolte ai bambini in età prescolare

(Reuters Health) – Spingere i bambini in età prescolare a migliorare da soli la quantità di cibo – rafforzando questa operazione con  messaggi mirati alla prevenzione dell’obesità – non produce gli effetti sperati. A questa conclusione è giunto uno studio condotto da un team della University of Michigan in Ann Arbor, guidato da Julie Lumeng, del Center for Human Growth and Development. Il gruppo ha condotto uno studio cluster-randomized all’interno del programma finanziato dal governo federale Head Start (HS) per i bambini a basso reddito. Durante ciascuno dei quattro anni di scuola, le classi sono state assegnate in modo casuale ad uno dei settori di intervento: HS da solo, HS più Preschool Obesity Prevention Series (HS+POPS), o HS più POPS e Incredible Years Series (HS+POPS+IYS). L’IYS è un programma evidence-based che sottolinea il ruolo positivo delle tecniche di gestione e di auto-regolamentazione del comportamento nei bambini di famiglie a basso reddito. Complessivamente lo studio ha coinvolto 697 bambini (49% maschi, età media 4 anni, 48% bianchi, 30% afro-americani 12% ispanici).

I risultati dello studio
Secondo i ricercatori la combinazione dei tre interventi ha migliorato l’autoregolamentazione (riferita dagli insegnanti) rispetto alla combinazione del programma di prevenzione con quello per ibambini a basso reddito (p <0.001) e al solo programma di prevenzione da solo (p <0,001 per entrambi). Tuttavia, questa triplice attività non è riuscito a produrre un effetto significativo sulla prevalenza dell’obesità (16,4% pre-intervento al 14,3% post-intervento in HS + POPS + IYS contro 17,3% al 14,4% in HS + POPS contro 12,2% al 13,0% in HS).

“È probabile che gli effetti di promuovere l’auto-regolamentazione per prevenire l’obesità non emergano fino a quando i bambini saranno più grandi”, dice Julie Lumeng. “Per esempio, è probabile che l’autoregolamentazione delle emozioni e del comportamento non abbia un impatto sull’assunzione di cibo fino a quando i bambini non raggiungano una maggiore consapevolezza della dieta, forse intorno ai 9-10 anni di età Quando i bambini sono nella fascia di età prescolare, la maggior parte delle loro scelte alimentari è ancora governata da genitori e altri adulti“. È necessario ulteriore lavoro con “approcci comportamentali più potenti e mirati di auto-regolamentazione per verificare in modo adeguato se il miglioramento dell’autocontrollo alimentare dei bambini può prevenire lo sviluppo di obesità”, concludono Lumeng e colleghi .

 

 Fonte: Pediatrics 2017

 Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*