Home » Medicina » Obesità: gli antibiotici aumentano il rischio nella prima infanzia?

Obesità: gli antibiotici aumentano il rischio nella prima infanzia?

obesita(Reuters Health) La somministrazione di cicli di antibiotici entro i primi due anni di vita è davvero legata all’aumento del rischio di obesità infantile? Due diversi studi – pubblicati da Gastroenterology e JAMA- sono approdati a conclusioni  contrastanti.

Primo studio
Nel primo studio, pubblicato da Gastroenterology online,  Frank I. Scott e colleghi,  della Università di Denver nel Colorado, hanno esaminato l’associazione tra l’uso di antibiotici prima dei due anni e l’obesità, secondo il calcolo del BMI z-score, in 21.714 bambini del Regno Unito. E hanno dimostrato che all’età di quattro anni, i tassi di obesità si attestano al 5,2% nei bambini non sottoposti a terapie antibiotiche e del 6,4% in quelli sottoposti a terapie antibiotiche. In particolare l’uso di qualsiasi tipo di antibiotici prescritti nel primo anno di vita è stato associato ad un aumento del rischio di obesità del 21%. Dopo aggiustamento dei dati per altri fattori, il rischio di obesità era più elevato del 41% tra i bambini che avevano ricevuto tre o più prescrizioni di antibiotici e del 47% più elevato fra coloro che avevano ricevuto più di cinque prescrizioni, rispetto a chi non aveva ricevuto alcun antibiotico. L’associazione tra l’uso di antibiotici e l’obesità infantile era evidente solo per gli antibiotici anti-anaerobici e non per gli antibiotici senza attività anti-anaerobica o per gli agenti antifungini. “Mentre l’uso di antibiotici in età precoce è stato associato con una serie di rare conseguenze per la salute nel lungo termine, questi dati collegano gli antibiotici ad uno dei più importanti e crescenti problemi di salute pubblica in tutto il mondo”, hanno commentato i ricercatori.

Secondo studio
Jeffrey S. Gerber e colleghi dell’Ospedale pediatrico di Philadelphia, Pennsylvania, sono invece giunti a conclusioni diverse in uno studio pubblicato da JAMA. I ricercatori americani hanno valutato l’associazione tra l’esposizione agli antibiotici nei primi 24 mesi di vita e la crescita fino a sette anni in 38.614 bambini, tra cui 92 gemelli discordanti per l’esposizione agli antibiotici nei loro primi sei mesi di vita. Il team ha dapprima evidenziato che il 14% dei bambini sono stati esposti agli antibiotici nei primi sei mesi di vita, e a 24 mesi di età, e i due terzi dei bambini considerati erano stati esposti a qualsiasi tipo di antibiotici. Ma, in contrasto con lo studio precedente, non emergeva alcuna associazione significativa tra l’uso di antibiotici nei primi sei mesi di vita e il tasso di variazione del peso a cinque anni. Inoltre, l’esposizione a qualsiasi antibiotico nei primi 24 mesi era associata ad un maggior aumento di peso tra i due e i cinque anni, ma la media della differenza  era pari a soli 0,15 kg; nella differenza dell’aumento, il peso massimo raggiunto, attribuibile all’esposizione agli antibiotici, era di soli 0,26 kg. Inoltre, confrontando 46 coppie di gemelli, non emergeva alcuna associazione tra l’esposizione agli antibiotici nei primi sei o 24 mesi e il successivo aumento di peso. “Questi risultati non supportano un’associazione clinicamente significativa tra l’uso di antibiotici nei primi anni di vita, con l’aumento del peso nell’infanzia”, ​​hanno concluso questi ricercatori.

Commenti
Leonardo Trasande, della NYU School of Medicine, New York, che ha condotto studi sullo stesso tema, ha commentato entrambi gli studi sottolineandone i limiti. “Rispetto agli studi precedenti, questi due hanno difetti sostanziali. n particolare, l’assenza di dati prenatali in entrambi gli studi testimonia il problema della gestione dei grandi numeri. Spesso grandi insiemi di dati hanno buchi enormi come la mancanza di quelli relativi all’allattamento al seno e ai rischi prenatali (fumo, solo per citarne uno). Abbiamo bisogno di studi meglio progettati che comprendano questi fattori e indaghino il meccanismo sottostante (lo studio del microbioma come fattore intermedio), come ad esempio avviene nel Environmental Influences on Child Health Outcomes program”. Anche un’altra studiosa sui problemi dell’obesità infantile e l’uso degli antibiotici, Anita Kozyrskyj dell’Università di Alberta, Edmonton in Canada, ha fatto notare che nello studio americano si è rilevato solo l’aumento di peso, mentre nello studio nel Regno Unito è stato utilizzato un parametro più consolidato come il calcolo dell’Indice di massa corporea (peso/altezza). Inoltre, in entrambi gli studi, l’uso di antibiotici è stato determinato dalle terapie prescritte, una valutazione più accurata rispetto a quanto avviene quando si considerano le dichiarazioni dei genitori.  “Secondo me l’informazione più importante proveniente da questi due studi e che il trattamento dei bambini con molteplici cicli di antibiotici, in un momento in cui il microbioma intestinale è in fase di sviluppo, possa indirizzarci verso il microbioma, come sito cruciale per il sovrappeso infantile “, ha commentato Kozyrskyj.

Fonte: Gastroenterology 2016, JAMA 2016

Will Boggs MD

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*