Obesità: gastroplastica endoscopica efficace a 5 anni

(Reuters Health) – In uno studio di follow-up monocentrico di cinque anni, la gastroplastica a manica endoscopica (ESG) si è dimostrata sicura ed efficace per la perdita di peso. “È un ottimo intervento, i pazienti sono soddisfatti e si ottengono ottimi risultati”, osserva Reem Sharaiha della Weill Cornell Medicine di New York, autrice dello studio.

Lo studio
Sharaiha e colleghi hanno studiato 216 pazienti sottoposti a ESG presso la Weill Cornell dal 2013 al 2019 (età media, 46 anni; 68% di sesso femminile). Durante l’intervento, l’endoscopista inserisce un dispositivo di sutura attraverso la bocca e nello stomaco, che viene suturato per ridurne le dimensioni.

I partecipanti allo studio avevano un indice di massa corporea > di 30 kg/m2 (o >27 con comorbilità) e non erano riusciti a raggiungere una perdita di peso in tutto il corpo (TBWL) di almeno il 5% con misure non invasive come i farmaci.

Tutti gli interventi sono stati eseguiti dallo stesso endoscopista e i pazienti sono stati seguiti fino a cinque anni dalla procedura.
Come riportato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, dei 216 partecipanti, i dati sul follow-up a uno, tre e cinque anni sono stati disponibili per 203, 96 e 68 pazienti, con tassi di follow-up completo del 70%, 71% e 82%.

A un anno, la perdita totale di peso (TBWL) media era del 15,6%, con l’89% e il 77% dei pazienti che hanno raggiunto una TBWL del 5% e del 10%. A tre anni, la TBWL media era pari al 14,9%, con l’85% e il 63% dei pazienti che hanno mantenuto una TBWL del 5% e del 10%. A cinque anni, la TBWL media era del 15,9% e del 90%, con il 61% dei soggetti che ha mantenuto una TBWL del 5% e del 10%.

Chi non è riuscito a raggiungere una perdita di peso del 5% entro tre mesi dalla ESG o ha guadagnato peso dopo l’intervento ha ricevuto farmaci antiobesità. 58 pazienti (27%) hanno iniziato la farmacoterapia per perdere peso a una mediana di cinque mesi dopo la ESG, in seguito alla stabilizzazione della perdita o dell’aumento di peso.

Il 32% dei pazienti ha manifestato eventi avversi (EA) lievi, come pirosi, nausea e vomito. Tre (1,3%) hanno avuto EA moderati e nessuno ha presentato EA gravi o fatali.

Fonte: Clinical Gastroenterology and Hepatology
Marilynn Larkin
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*