Home » Ambiente » Nuvole in cielo: spesso dipendono dalle esplosioni stellari

Nuvole in cielo: spesso dipendono dalle esplosioni stellari

Il cielo nuvoloso dipende anche dallo spazio. Esiste infatti uno stretto legame tra esplosioni stellari e cambiamenti climatici in quanto quando i raggi cosmici, ossia le particelle cariche di energia prodotte dalle stelle, arrivano sulla Terra, interagiscono con l’atmosfera accelerando la formazione delle nubi. A dimostrarlo è stato uno studio pubblicato su Nature Communications e condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Danimarca.

La ricerca spiega “come le particelle provenienti dallo spazio influenzino il clima sulla Terra e forniscano una comprensione di come i cambiamenti causati dall’attività solare o dall’attività delle supernova possano cambiare il clima”, ha dichiarato l’autore dello studio, Henrik Svensmark, dell’Istituto spaziale danese e dell’Università di Danimarca.

Quando i raggi cosmici raggiungono l’atmosfera caricano elettricamente le particelle che vi si trovano. Queste ultime, ovvero gli ioni, aiutano la formazione dei ‘semi’ da cui si sviluppano le nubi: microparticelle (aerosol) con una grande affinità con l’acqua chiamate nuclei di condensazione delle nuvole. Più i nuclei di condensazione sono abbondanti, più le nuvole saranno numerose e il clima sarà freddo perché una maggiore copertura nuvolosa diminuisce il flusso di raggi solari che arriva sulla superficie della Terra e tende ad abbassare la temperatura media del pianeta.

Era noto che circa il 5% del tasso di crescita degli aerosol è dovuto agli ioni, ma gli esperimenti hanno dimostrato che l’esplosione di una supernova non troppo lontana dalla Terra potrebbe alzare la percentuale al 50%. Un tale incremento può avere un impatto significativo sulla copertura nuvolosa e quindi sulla temperatura dell’atmosfera terrestre. Nell’esperimento è stata riprodotta in laboratorio una porzione di atmosfera terrestre simulando gli effetti dei raggi cosmici su di essa. I test sono durati 2 anni, per un totale di 3.100 ore di campionamento dei dati.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*