Home » Hi-Tech » Neuroscienze: smartphone e tablet gestiti con il pensiero. Esperimento a Standford

Neuroscienze: smartphone e tablet gestiti con il pensiero. Esperimento a Standford

(Reuters Health) – Le persone con paralisi potrebbero un giorno essere in grado di gestire smartphone e tablet, semplicemente pensando alle azioni che vogliono eseguire, con l’aiuto di sensori impiantati nel cervello. È questa l’indicazione che emerge da un esperimento condotto da alcuni ricercatori dell’Università di Standford, in California.

“Siamo ancora lontani dall’avere un dispositivo completamente impiantabile approvato dalla Fda e disponibile per un uso diffuso – spiega l’autore principale del lavoro, Jaimie Henderson della Stanford University School of Medicine in California– Tuttavia, sono convinto che la maggior parte degli ostacoli tecnologici siano stati risolti e che un giorno, nel prossimo futuro, vedremo dispositivi di assistenza che consentono alle persone con paralisi di controllare un computer usando solo il pensiero”.

L’esperimento
L’esperimento condotto a Standford ha incluso solo tre pazienti. Due di loro avevano debolezza o perdita di movimento delle braccia e gambe a causa della sclerosi laterale amiotrofica (Sla), un terzo paziente era paralizzato da una lesione del midollo spinale.

Gli scienziati hanno impiantato dispositivi della dimensione di una piccola aspirina nella corteccia motoria, l’area del cervello coinvolta nella pianificazione e nell’esecuzione di movimenti volontari.

L’impianto è stato progettato per rilevare i segnali associati ai movimenti previsti e quindi trasmettere questi segnali a un’interfaccia bluetooth configurata per funzionare come un mouse wireless.  Il mouse virtuale è stato collergato un tablet.

Con il sensore e il “mouse” wireless, i partecipanti sono stati in grado di navigare tra i programmi di tablet di uso comune, tra cui e-mail, chat, streaming di musica e app di condivisione video.

Hanno anche inviato messaggi di posta elettronica a familiari, amici, membri del gruppo di ricerca e agli altri partecipanti. E hanno navigato sul web, controllato il meteo e fatto acquisti online.

Un partecipante musicista ha eseguito una passaggio di “Inno alla gioia” di Beethoven sull’interfaccia digitale di un pianoforte.

Nelle app di testo, i partecipanti sono stati in grado di digitare fino a 30 caratteri effettivi al minuto, utilizzando le interfacce standard di posta elettronica e di testo.

“L’aspetto interessante di questo progetto è che non richiede tablet personalizzati e può funzionare con i prodotti disponibili sul mercato – diceSteven Chase, co-direttore del programma di calcolo neurale presso la Carnegie Mellon University di Pittsburgh – I pazienti possono controllare un tablet non modificato e interagire con tutti i programmi software comuni che questi dispositivi hanno: e-mail, browser Web, programmi di chat”.

Fonte: Plos One

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*