Home » Medicina » Nafld: negli adolescenti indicata dieta a basso contenuto di zuccheri

Nafld: negli adolescenti indicata dieta a basso contenuto di zuccheri

(Reuters Health) – Gli adolescenti con una dieta a “basso contenuto di zucchero” mostrano miglioramenti significativi nella malattia del fegato grasso non alcolico (Nafld – steatosi epatica non alcolica). È quanto emerge da uno studio clinico randomizzato di 8 settimane condotto negli USA.

Gli zuccheri liberi – spiegano i ricercatori su JAMA -sono quelli aggiunti a cibi e bevande e che si trovano naturalmente nei succhi di frutta. “Ridurre lo zucchero in alimenti e bevande è un trattamento efficace per i bambini con Nafld e dovrebbe essere incluso come parte del loro piano terapeutico”, afferma Miriam B. Vos della Emory University di Atlanta, principale autrice dello studio. “Saranno necessari studi più lunghi per verificare se questo funziona ben oltre le 8 settimane e se può aiutarci a curare la Nafld.”

Le linee guida pediatriche raccomandano modifiche dello stile di vita per migliorare la dieta nei pazienti con Nafld, ma non indicano una dieta particolare. Sempre più evidenze puntano il dito contro gli zuccheri nella dieta, che rappresentano fino al 17% delle calorie consumate da bambini e adolescenti con Nafld.

Lo studio
Vos e i suoi colleghi hanno studiato l’impatto della limitazione dello zucchero libero, ridotto a meno del 3% delle calorie giornaliere (rispetto alla dieta abituale,) sul contenuto di grassi epatici. Lo studio è stato condotto su 40 adolescenti (età media 13 anni) la cui base di assunzione di zuccheri liberi era pari al 10% (gruppo di intervento) o all’11% (gruppo “dieta abituale”) delle calorie totali.

All’ottava settimana, gli zuccheri liberi continuavano a contribuire al 10% delle calorie giornaliere nel gruppo “dieta abituale”, ma contribuivano solo all’1% delle calorie giornaliere nel gruppo di intervento, con 18 partecipanti su 20 che riportavano un consumo inferiore al 3% di zuccheri liberi durante lo studio.

La diminuzione media della steatosi epatica è risultata significativamente maggiore per il gruppo di intervento (dal 25% al ​​17%) rispetto gruppo “dieta abituale” (dal 21 al 20%).

Tra i risultati secondari, i livelli medi di alanina aminotransferasi, aspartato aminotransferasi e gamma-glutamil transpeptidasi erano significativamente più bassi nel gruppo di intervento, così come i livelli medi di colesterolo totale. Durante lo studio, il gruppo di intervento ha perso una media di 2 kg rispetto al gruppo di controllo.

I commenti
“Anche se questo studio è troppo breve per dirci se una dieta a basso contenuto di zucchero può trattare la Nafld a lungo termine, ci suggerisce comunque che ridurre lo zucchero porta dei benefici a breve termine”, sottolinea Vos. “Penso che questi risultati possano essere utilizzati in ambito clinico come trattamento iniziale per tutti i ragazzi con Nafld. Non ci aspettiamo differenze tra ragazzi e ragazze in risposta a una dieta a basso contenuto di zucchero, quindi sarebbe ragionevole anche con le ragazze una dieta a basso contenuto di zucchero”.

“In questo studio – aggiunge – abbiamo fornito tutto il cibo a basso contenuto di zucchero ai bambini e alle famiglie, perché è molto difficile per i pazienti intraprendere questo tipo di cambiamento da soli. Avremo bisogno della collaborazione dell’industria alimentare, dalle scuole e dalle agenzie sanitarie statali e federali per ridurre lo zucchero nel cibo che viene fornito ai bambini, e per progettare programmi educativi per aiutare i genitori a capire dove trovare gli zuccheri nascosti”.

Fonte: JAMA
Will Boggs
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*