Home » Medicina » Morbillo, dal 2000 il vaccino ha salvato 17,1 milioni di vite

Morbillo, dal 2000 il vaccino ha salvato 17,1 milioni di vite

vaccini morbilloSono 17,1 milioni le vite salvate nel mondo tra il 2000 e 2014 grazie al vaccino contro il morbillo, il cui tasso di mortalità si e’ ridotto del 79%. Progressi pero’ che si sono arrestati, dato che negli ultimi 4 anni il tasso di copertura vaccinale con la prima dose è rimasto fermo all’85%. Questo il quadro che emerge dai dati pubblicati dai Centers for disease control (Cdc) e l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms). Tra il 2000 e 2010 la copertura con la prima dose di vaccino contro il morbillo è aumentata, globalmente, dal 72% all’85%, per poi fermarsi su questa cifra negli ultimi quattro anni. E sulla base dell’attuale andamento, nel 2015 l’obiettivo dell’Oms di eliminare il morbillo globalmente non sara’ raggiunto. Sebbene tutti i paesi prevedano almeno una dose di vaccino contro il morbillo nel loro piano vaccinale, solo 122 (63%) hanno raggiunto l’obiettivo di vaccinare almeno il 90% dei bambini con la prima dose, e solo la metà dei bambini nel mondo riceve la seconda dose. Nel 2014 le campagne di vaccinazioni di massa, coordinate dai governi dei paesi con il supporto della Measles & Rubella Initiative e Gavi hanno raggiunto circa 221 milioni di bambini. Ventinove paesi hanno integrato i loro programmi di vaccinazioni di routine, riuscendo a ridurre l’incidenza del morbillo in 4 su 6 delle regioni dell’Oms nel 2014. In Africa i casi si sono più che dimezzati tra il 2013 e 2014, grazie alle campagne vaccinali in Nigeria e Repubblica democratica del Congo, e una diminuzione dei casi si è registrata anche nel Medirraneo orientale, in Europa e Sud-est asiatico. In America e Pacifico occidentale invece i casi sono aumentati, principalmente per le epidemie avutesi in Cina, Filipppine e Vietnam. ”Nel 2014 sono morti globalmente 100mila bambini di morbillo. Morti che possono essere evitate se intensifichiamo gli sforzi”, commenta Robert Linkins dei Cdc.

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*