Home » Gadget » Modifica il tuo Status e ti dirò chi sei

Modifica il tuo Status e ti dirò chi sei

shutterstock_243535783A quanto pare gli status su Facebook possono dire molto sulla nostra personalità. A rivelarlo è uno studio della Brunel University, nel Regno Unito, pubblicato sulla rivista Personality and individual differences. Chi ha un’indole narcisistica, ad esempio, tende a pubblicare spesso foto dei risultati raggiunti, come la perdita di peso o i record nell’esercizio fisico, mentre chi al contrario ha una bassa autostima tende a parlare più spesso del partner, quasi a voler sedare così le insicurezze e rassicurare sul fatto che la relazione sta procedendo bene. Coloro che hanno un’indole curiosa e creativa più spesso affrontano nei loro post temi di tipo intellettuale o legati alla politica, mentre i coscienziosi sono in assoluto quelli che “postano” meno ma quando lo fanno i loro aggiornamenti dello status hanno per oggetto per lo più figli.

Gli studiosi hanno analizzato le risposte di un sondaggio online completato da 555 utenti Facebook. Il sondaggio ha focalizzato l’attenzione sulle caratteristiche di personalità come l’estroversione , l’apertura, la piacevolezza , la nevrosi e la coscienziosità, così come l’autostima e il narcisismo. Dai risultati è emerso che le caratteristiche che emergevano erano in linea con ciò che gli utenti “postavano” sul proprio profilo sul social network. Ecco in particolare le quattro categorie identificate Narcisista: pubblica messaggi principalmente su risultati nella dieta e nell’esercizio fisica. Cerca attenzione con i “like”. Curioso e creativo: messaggi principalmente su convinzioni politiche e argomenti intellettuali. Cerca meno interazione sociale e maggiore condivisione di informazioni. Coscienzioso: pubblica raramente ed è più consapevole di come gli altri ricevono il contenuto. Il più delle volte parla dei figli. Con bassa autostima: posta messaggi in cui si parla del partner, per sedare insicurezze e dimostrare che il rapporto va bene. Questi post ricevono meno “like” e sembrano rendere l’utente meno simpatico.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*