Melanoma: speranze da un nanobiologico mirato al midollo spinale

(Reuters Health) – Un nanobiologico mirato al midollo spinale, MTP(10)-HDL, ha indotto l’immunità e ha potenziato l’inibizione dei checkpoint in un modello di melanoma nei topi. Il fenomeno, secondo i ricercatori, suggerisce un potenziale impiego del farmaco sperimentale nella terapia oncologica.

Lo studio
Willem Mulder e colleghi, della Eindhoven University of Technology in Olanda e della Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York, hanno somministrato MTP-HDL per via endovenosa ai topi con melanoma. La risultante induzione di immunità ha portato a mielopoiesi, ovvero alla produzione di cellule mieloidi addestrate nel midollo osseo.

Le cellule mieloidi addestrate hanno modificato il microambiente del tumore, consentendo alle cellule immunitarie di combattere efficacemente le cellule del melanoma.

In un ulteriore esperimento, il nanobiologico ha mostrato caratteristiche simili in primati non umani, con un profilo di sicurezza favorevole.

Gli autori concludono che MPT-HDL si accumula favorevolmente negli organi ematopoietici dei topi e dei primati non umani, induce l’immunità addestrata attraverso progenitori nel midollo osseo in vivo, inibisce la crescita tumorale e potenzia l’inibizione dei checkpoint immunitari.

Presi insieme, affermano i ricercatori, i risultati indicano che questo approccio potrebbe essere usato come una terapia antitumorale indipendente o in associazione a farmaci inibitori dei checkpoint.

“Stiamo lavorando sulla versatilità del nostro approccio conducendo studi su diversi modelli di cancro, inclusi tumore al pancreas, al seno e al polmone”, conclude Mulder.

Fonte: Cell
Marilynn Larkin
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*