Home » Medicina » Melanoma maligno negli adulti. Efficace lo screening?

Melanoma maligno negli adulti. Efficace lo screening?

(Reuters Health) – Non ci sono prove sufficienti per valutare i benefici e i danni dello screening negli adulti per il melanoma maligno nella popolazione generale. È quanto emerge da una nuova revisione Cochrane.

Molti Paesi hanno programmi per lo screening del melanoma maligno, ma non è chiaro se questi riducano la morbilità e la mortalità o causino danni ingiustificati derivanti da diagnosi eccessiva o trattamenti non necessari.

Minna Johansson e collghi, a Uddevalla, in Svezia, hanno iniziato a valutare gli effetti sulla morbilità e mortalità dello screening per il melanoma maligno nella popolazione generale. Ma negli unici due studi che hanno soddisfatto i loro criteri di inclusione, non sono state fornite informazioni sugli effetti dello screening su decessi totali, diagnosi eccessiva da screening, qualità della vita dei partecipanti, decessi per cancro della pelle o tassi di falsi positivi e negativi.

Uno studio statunitense su un intervento per aumentare il livello di performance di un auto-esame approfondito della pelle non ha riportato nessuno di questi outcome, e uno studio australiano di screening per melanoma maligno basato sulla popolazione generale non è mai stato condotto a causa della mancanza di finanziamenti, come ha notato il team nel Cochrane Database of Systematic Reviews.

“Lo screening della popolazione generale adulta per il melanoma maligno non è supportato o confutato dalle attuali prove di studi controllati randomizzati – affermano gli autori – Pertanto non soddisfa i criteri accettati per l’implementazione dei programmi di screening della popolazione”.

“Questa revisione non ha studiato gli effetti dello screening in persone con una storia di melanoma maligno o in persone con una predisposizione genetica per melanoma maligno (ad es. nevo atipico familiare e sindrome del melanoma) – aggiungono ricercatori – Per determinare i benefici e i danni di screening per il melanoma maligno, è necessario uno studio randomizzato condotto rigorosamente, che valuti la mortalità generale, la diagnosi eccessiva, le conseguenze psicosociali e l’uso delle risorse”.

Richard A. Shellenberger dell’Ospedale St. Joseph Mercy di Ann Arbor, nel Michigan, che ha studiato lo screening del melanoma e i modi per migliorarlo, osserva: “Sebbene le prove non supportino lo screening diffuso della popolazione generale, questo non significa che non si debba fare nulla. Esaminare la pelle in gruppi ad alto rischio è l’unico metodo per rilevare il melanoma nella sua fase iniziale con i migliori risultati. I medici dovrebbero anche educare i pazienti a evitare le scottature e i pericoli delle esposizioni al sole. Il livello di evidenza è di grado C per la protezione solare che previene il melanoma. Non dovremmo rinunciare a esaminare la pelle sulla base di questo rapporto, soprattutto perché abbiamo visto un declino dell’incidenza e della mortalità del melanoma”.
“Chiedere ai pazienti delle loro scottature solari e della storia familiare di melanoma è un metodo semplice di stratificazione del rischio per capire chi dovrebbe sottoporsi a esami cutanei – ha conclude Shellenberger – La domanda più importante potrebbe essere il cambiamento nei nevi. Qualsiasi nevo che si sta evolvendo dovrebbe essere esaminato”.

Fonte: Database Cochrane Syst Rev 2019

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*