Home » Medicina » Melanoma: inibitori del checkpoint aumentano sopravvivenza in pazienti con metastasi cerebrale

Melanoma: inibitori del checkpoint aumentano sopravvivenza in pazienti con metastasi cerebrale

(Reuters Health)- Secondo uno studio appena pubblicato, il trattamento di prima linea con inibitore del checkpoint sarebbe associato a un aumento della sopravvivenza globale mediana nei pazienti con melanoma cutaneo e metastasi cerebrali. “I risultati del nostro lavoro contribuiscono a confermare che gli straordinari risultati dell’immunoterapia basata sull’inibizione dei checkpoint (Cbi) in altri melanomi avanzati possono applicarsi anche ai pazienti con melanoma e coinvolgimento cerebrale e, per la prima volta, aiutano a quantificare i benefici di sopravvivenza in pazienti con metastasi cerebrali da melanoma (Mbm) – dice David Reardon del Brigham and Women’s Hospital di Boston, autore principale dello studio – Questo prepara il terreno per trial clinici di conferma”.

Lo studio
Tra il 2010 e il 2015 Reardon e colleghi hanno studiato 2.753 pazienti con melanoma di stadio 4 in cui il tumore aveva raggiunto il cervello con metastasi. Hanno categorizzato i pazienti tra quelli con solo Mbm (il 39,7%) o Mbm più metastasi altrove.
Come riportato da Cancer Immunology Research, in seguito all’approvazione nel 2011 da parte della Food and Drug Administration delle immunoterapie con inibitori del checkpoint, la percentuale di pazienti Mbm che ha ricevuto questi trattamenti è cresciuta complessivamente dal 10,5% del 2011 al 34% del 2015.

I risultati
I pazienti Mbm hanno avuto un aumento relativo del 91% della sopravvivenza globale a quattro anni. Il trattamento di prima linea con Cbi è stato associato con un aumento della sopravvivenza globale mediana da 5,2 a 12,4 mesi, e con un aumento del tasso di sopravvivenza globale a quattro anni da 11,1% a 28,1%. I pazienti con solo Mbm ne hanno anche beneficiato di più: il trattamento di prima linea con Cbi è stato associato con un aumento della sopravvivenza globale mediana da 7,7 mesi a 56,4 mesi e il tasso di sopravvivenza globale a quattro anni è passato da 16,9% a 51,5%.

 

Fonte: Cancer Immunol Res 2018.

Marilynn Larkin
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*