Home » Medicina » Maschio, il tuo tempo è finito

Maschio, il tuo tempo è finito

shutterstock_223720624Uomini di tutto il mondo tremate, il vostro tempo è scaduto. Tra non molto preparatevi ad assistere alla fine della vostra supremazia. Non è lo slogan di qualche gruppo di femministe, ma la scoperta di Melvin Konner, neuroscienziato della Emory University.

Nel suo libro Women After All: Sex, Evolution, and the End of Male Supremacy, Konner afferma che stiamo per assistere alla ‘fine della supremazia maschile’, perché i vantaggi biologici delle donne stanno diventando sempre più importanti, mentre quelli degli uomini non servono più e anzi possono trasformarsi in problemi. Per avvalorare la tesi Konner prende esempi dalla biologia evoluzionistica, dall’etologia, dalla neurobiologia e dalla storia. La forza fisica e l’abilità militare ad esempio, scrive, hanno rappresentato dei significativi vantaggi biologici in passato, ma nella società moderna non servono.

”Una donna non ha bisogno di passare il fitness test dei Marine per pilotare un drone da un ufficio in Colorado. – afferma – Ci sono donne che pilotano F16 e Apache che hanno una potenza di fuoco che qualunque guerriero potrebbe solo sognare”.   Lo stesso cromosoma Y, quello che caratterizza l’uomo, secondo l’autore è una ‘zavorra’. ”Chi lo possiede ha una vita più corta e una maggiore probabilità di morire per incidente o per crimini violenti – sottolinea – oltre ad avere un rischio molto maggiore di finire in prigione. Il processo però non sarà così breve e le prime a saperlo – sottolinea Konner – sono proprio le donne, perché sanno cosa vuol dire la parola “cambiamento” e il tempo necessario.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

1 Responses to "Maschio, il tuo tempo è finito"

  1. Ho appena letto l’articolo sulla zavorra del cromosoma Y e sono preoccupato per le consegue in quanto io ce l’ho ancora . Un abbraccio alla redazione . Roberto

Lascia un commento

*