Home » Medicina » Malattie renali: rischio “epidemia” a causa delle ondate di calore

Malattie renali: rischio “epidemia” a causa delle ondate di calore

cambiamenti climatici(Reuters Health) – Secondo una revisione delle ricerche sul tema, in tutto il mondo, un aumento delle ondate di calore legato al cambiamento climatico potrebbe essere alla base della malattie renale riscontrata in lavoratori sempre più esposti a caldo e disidratazione. “In generale, il surriscaldamento globale ha aumentato le temperature di quasi un grado Celsius (appena sotto i due gradi Farenheit) durante il secolo scorso e si prevede che tali temperature aumentino di altri tre o quattro gradi centigradi entro la fine di questo secolo”, scrivono gli autori. Inoltre, le ondate di calore sono diventate più comuni, soprattutto a causa del cambiamento climatico.

“Esistono evidenze per cui lunghi periodi di ondate di calore sono aumentati più sensibilmente con il cambiamento climatico, e quando è estremamente caldo il rischio di danni ai reni inizia a diventare davvero evidente”, ha osservato l’autore principale dello studio, Richard Johnson della University of Colorado, Denver.

“Un’estrema esposizione al caldo può avere effetti immediati sulla salute, causando disidratazione, esaurimento da calore e colpo di calore, nonché un peggioramento della malattia cronica eventualmente pre-esistente, che può essere fatale”, hanno affermato Johnson e colleghi sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology il 5 maggio.

Anche se la malattia renale cronica è spesso causata da diabete o ipertensione, può essere anche il risultato di una ricorrente esposizione al caldo durante un’attività fisica accompagnata da un’idratazione non sufficiente, che mette a dura prova i reni.

Lo studio
Johnson e coautori hanno studiato l’aumento di casi di malattia renale cronica in climi caldi e tra popolazioni che non potevano accedere regolamente ai servizi sanitari, come gli agricoltori poveri.

Inizialmente, si sospettava che una recente epidemia di malattia renale cronica nell’America Centrale, soprattutto tra gli uomini che lavoravano la canna da zucchero sulla costa pacifica, fosse legata a sostanze chimiche e altre tossine. Tuttavia, il danno ai reni era più comune tra chi tagliava la pianta che tra chi applicava pesticidi e meno comune ad altitudini più elevate, dove le temperature sono più fredde. Ciò suggerisce che i soggetti più a rischio erano quelli che si sforzavano di più fisicamente e che erano più esposti al caldo.

Una simile epidemia sta attualmente colpendo circa 100.000 persone nello SriLanka settentrionale, soprattutto tra i coltivatori di riso di sesso maschile giovani e di mezza età e tra le donne che lavorano i campi, aggiungono gli autori. Un’altra epidemia ancora è in corso a Andhra Pradesh, sulla costa sudoccidentale dell’India, un’area con alcune delle più lunghe ondate di calore nel paese.

Le ondate di calore si verificano quando temperature prolungate raggiungono i 40 gradi C  o aumentano di circa 5 o 6 gradi centigradi rispetto alla normale temperatura massima della regione o, ancora, ogni qual volta esse toccano un minimo di 45 gradi.

Rischio “epidemia” malattie renali croniche
“Simili epidemie potrebbero essere in corso nelle regioni più calde dell’Africa e del Medio Oriente e migliorare l’idratazione e le pratiche sul posto di lavoro potrebbe aiutare a prevenire alcuni casi di malattia renale cronica legati al calore,-hanno osservato gli autori – Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per chiarire se esiste un rapporto di causa-effetto per quanto riguarda il luogo di lavoro”.

FonteClinical Journal of the American Society of Nephrology 2016

Kathryn Doyle

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*