Home » Medicina » Malattie renali: possibile deterioramento cognitivo già dalle prime fasi

Malattie renali: possibile deterioramento cognitivo già dalle prime fasi

Deterioramento cognitivo e malattia renale hanno una stretta correlazione, e anzi già dalle prime fasi, la seconda potrebbe innescare il primo. A rivelarlo è una ricerca guidata da Giovambattista Capasso, dell’Università della Campania ‘Luigi Vanvitelli’, pubblicata su Nephrology Dialysis Transplantation.

Il legame tra disfunzione cerebrale e malattia renale avanzata è stato notato per la prima volta nel 1930, quindi non è una novità. Ciò che è nuovo, invece, è la scoperta che un lieve deterioramento cognitivo può già essere presente nelle prime fasi della malattia renale cronica, interessando circa uno su due tra i pazienti con insufficienza renale cronica (la prevalenza varia negli studi tra il 30% e il 60%). In contrasto con la demenza “normale”, quella correlata alla malattia reale cronica non è legata all’età, il che significa che il deficit cognitivo supera quello atteso dal normale processo di invecchiamento.

La dialisi non aiuta o interrompe questo processo, quindi gli esperti ritengono che proprio i fattori che non sono completamente corretti con questa procedura possano favorire il processo di compromissione cognitiva.”Un dato interessante, tuttavia, è che il trapianto di rene sembra rallentare il declino cognitivo” spiega Capasso.

“La malattia renale cronica colpisce ovviamente il corpo e il cervello – aggiunge l’esperto – quest’ultimo è stato trascurato dalla ricerca, ma nuovi strumenti nelle neuroscienze promettono di dare ulteriori approfondimenti sulla patogenesi del declino cognitivo, in modo da poter identificare target terapeutici e poterlo trattare un giorno”.

“Fino ad allora – conclude Carmine Zoccali, presidente dell’Era-Edta (European Renal Association – European Dialysis and Transplant Association) – dobbiamo essere consapevoli che la malattia renale cronica è grave e colpisce anche altri sistemi di organi e il cervello, anche nelle prime fasi. Questo è il motivo per cui dovremmo rafforzare le strategie di prevenzione”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*