Home » Medicina » Malattie croniche: nel 2020 saranno l’80% delle patologie

Malattie croniche: nel 2020 saranno l’80% delle patologie

Nel 2020, l’80% delle malattie del mondo saranno rappresentate da patologie croniche, con il diabete in cima alla lista. A livello globale le malattie croniche sono responsabili dell’86% di tutti i decessi, con una spesa sanitaria di 700 miliardi di euro. Questi sono alcuni dati che emergono dal workshop ”Il paziente al centro – La gestione integrata della cronicità” organizzato, con il contributo non condizionante di Msd, nell’ambito del progetto #Insiemeperilcuore.

Diabete

In Italia, tra le malattie croniche, il diabete è “un’emergenza: solo un paziente su tre ha un adeguato controllo e di conseguenza le complicanze cardiovascolari, renali, oculari determinano un altissimo impatto socio-economico per il Sistema sanitario nazionale”. Il diabete nel nostro Paese colpisce circa 3,6 milioni di persone e che entro il 2035 sfiorerà in Europa il tetto dei 70 milioni di pazienti, contro gli attuali 52 milioni. Ma – viene spiegato – “permangono ostacoli per i farmaci innovativi contro il diabete; e il medico di medicina generale non può prescriverli”.

Altre malattie croniche

Malattie come lo scompenso cardiaco, l’insufficienza respiratoria, i disturbi del sonno, il diabete, l’obesità, la depressione, la demenza, l’ipertensione e l’ipercolesterolemia sono ritenute una “vera e propria emergenza sanitaria”. A questo proposito viene ricordato – concentrandosi su diabete e malattie cardiovascolari – il Piano nazionale delle cronicità messo a punto dal Ministero della Salute per disciplinare “le modalità di assistenza dei pazienti affetti da malattie croniche, armonizzando le attività”; tra i punti cardine del Piano troviamo l’ospedale come snodo di alta specializzazione, l’integrazione tra assistenza primaria e cure specialistiche, il supporto al paziente e il potenziamento delle cure domiciliari e piani di cura personalizzati.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*