Home » Medicina » Malattia di Chron: dopo chirurgia, un immunosoppressore impedisce recidiva nei fumatori

Malattia di Chron: dopo chirurgia, un immunosoppressore impedisce recidiva nei fumatori

gastroenterologia(Reuters Health) – La mercaptopurina impedisce il ripetersi della malattia di Crohn dopo la resezione chirurgica, ma solo nei fumatori. È quanto emerge dai risultati dello studio multicentrico TOPPIC. “L’effetto delle tiopurine nella profilassi post-operatoria è più evidente nei fumatori – spiega Jack Satsangi, del Western General Hospital di Edimburgo – Il fumo è il fattore predittivo chiave della recidiva post-operatoria”.
La ricaduta è comune nei primi due anni dopo l’intervento chirurgico, ma vi è una scarsità di prove a sostegno di qualsiasi strategia di trattamento farmacologico per prevenire o ritardare la recidiva postoperatoria della malattia di Crohn.

Lo studio
In uno studio controllato con placebo e randomizzato in cui sono stati inclusi 240 pazienti, Satsangi e colleghi – provenienti da 29 ospedali inglesi – hanno testato la capacità della mercaptopurina di prevenire o ritardare la recidiva clinica post-operatoria della malattia di Crohn, che richiede un trattamento anti-infiammatorio o la chirurgia.
Durante un follow-up mediano di 36 mesi, l’endpoint primario di recidiva clinica della malattia di Crohn e la necessità di un trattamento con anti-infiammatori o di un intervento chirurgico primario si è verificato nel 13% dei casi nel gruppo con mercaptopurina, contro il 23% del placebo (p = 0.07).
Nelle analisi dei sottogruppi, la mercaptopurina ha significativamente ridotto la recidiva solo nei fumatori. Il numero necessario da trattare per evitare una recidiva clinica è stato di tre per i fumatori. La remissione completa endoscopica è stata mantenuta proporzionalmente in più pazienti con mercaptopurina rispetto al placebo, sia alla 49° settimana, sia alla 157°. Il livello di calprotectina fecale si è dimostrato essere un predittore affidabile di recidiva e di remissione, spiegano i ricercatori. Quasi un terzo dei pazienti nel gruppo mercaptopurina (30%) e ancora di più nel gruppo placebo (37%) hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi, riporta il team su Lancet Gastroenterology and Hepatology.
Satsangi ha espresso sorpresa per il fatto “che il beneficio di mercaptopurina sia così evidente nei fumatori e così debole nei non fumatori”, e ha suggerito “una rinnovata attenzione sulla cessazione del fumo”.

Fonte: Lancet Gastroenterol Hepatol 2016

Will Boggs MD

(versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*