Home » Medicina » Malattia di Chagas: passi avanti verso vaccino

Malattia di Chagas: passi avanti verso vaccino

(Reuters Health) – Una molecola ingegnerizzata che contiene tre antigeni sarebbe riuscita a ridurre il numero di parassiti che causano la malattia di Chagas, oltre a diminuire i danni ai tessuti che questi provocano. A dimostrarlo è stato un gruppo di ricercatori argentini guidati da Emilio Malchiodi, dell’Università di Buenos Aires. La ricerca è stata pubblicata su Npj Vaccines. Lo sviluppo di questo vaccino, testato per ora sugli animali da laboratorio, potrebbe portare a ridurre i costi di produzione.

Un vantaggio, ha spiegato Malchiodi, soprattutto considerando l’aumento dei migranti dalle zone in cui il parassita è endemico. La malattia di Chagas è una patologia causata dal parassita Trypanosoma cruzi, che si trasmette attraverso insetti noti come triatomine, e che uccide circa 12mila persone l’anno. Questa malattia è endemica in America Latina, dove l’insetto si nasconde nelle case di mattoni con i tetti di paglia tipiche delle zone rurali più povere. Secondo l’Organizzazione della Sanità, fino a sette milioni di persone sono state infettate dal parassita e la malattia di Chagas è nella lista delle 17 malattie tropicali trascurate che avrebbero bisogno di maggiori investimenti in ricerca.

Secondo Medici Senza Frontiere, quasi un paziente su tre con la malattia di Chagas può sviluppare patologie che mettono a rischio la sua vita, come malattie cardiache, arresto cardiaco e complicanze a livello intestinale. Per la diagnosi si eseguono analisi di laboratorio e mentre il trattamento può essere efficace anche al 100 per cento nei neonati e nei casi acuti, diventa difficile trattare i casi in cui passa tanto tempo tra infezione e diagnosi.

Fonte: Npj Vaccines

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*