Malaria: Oms avverte, nel mondo 3,2 miliardi persone a rischio

MalariaNonostante l’Europa sia free, sono 3,2 miliardi le persone a rischio malaria. Anche se la mortalità è diminuita del 60% dal 2000 ad oggi, sono ancora 400mila i morti per malaria nel mondo ogni anno. A ricordarlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), in occasione del World Malaria Day.

Secondo il rapporto pubblicato l’obiettivo di eliminare la malaria da almeno 35 Paesi entro il 2030 proclamato l’anno scorso è raggiungibile. Sono otto i Paesi fuori dall’Europa che nel 2014 hanno riportato zero casi, mentre altri otto ne hanno avuti meno di cento e 12 tra cento e mille. Lo scorso anno sono però stati riportati 214 milioni di nuovi casi in 95 Paesi. “L’efficacia degli strumenti usati finora è minacciata – scrive l’Oms – La resistenza delle zanzare agli insetticidi è in aumento, così come quella del parassita a uno dei farmaci più usati. Per nuovi progressi servono nuovi strumenti che ad oggi non esistono, oltre a un miglioramento di quelli esistenti”.

In Italia, ricorda Stefano Vella, vicepresidente di Friends of the Global Fund Europe ed esperto di Salute globale dell’Istituto Superiore di Sanità, la malaria è stata debellata nel 1970, ma può sempre tornare se non verrà eliminata dal resto del mondo. “L’estrema globalizzazione dei nostri giorni – avverte Vella – consente spostamenti di persone, cose e anche di malattie, prima impensabili. Per questo è importante il ruolo del Fondo Globale che da solo a livello internazionale garantisce la metà dei finanziamenti mondiali per la lotta contro la malaria, l’80% di quelli contro la tubercolosi e oltre il 20% destinati all’Aids e ha contribuito a salvare milioni di persone nel mondo”.

Post correlati

Lascia un commento

*