Home » Medicina » Lorenzin: la sfida del secolo è non far ammalare le persone

Lorenzin: la sfida del secolo è non far ammalare le persone

Antiossidanti“Possiamo vincere la sfida di questo secolo: non far ammalare le persone, o farle ammalare il meno possibile. La nostra arma migliore è la prevenzione, e possiamo portarla avanti con due cose fondamentali: i vaccini e i giusti stili di vita con una corretta alimentazione”. Queste le parole del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a margine di un convegno su Nutrizione e Salute che si è tenuto a Expo e che rappresenta l’atto finale degli oltre 100 eventi organizzati in questi ultimi sei mesi dal Ministero.

“Expo è stata e sarà un’occasione impagabile per il nostro pianeta – ha spiegato il ministro – per la prima volta abbiamo messo al centro dell’agenda mondiale la nutrizione, la salute e la gestione delle risorse ambientali. Discutiamo spesso di queste tre cose, ma quasi mai prese insieme”, ha proseguito. Sono un miliardo e mezzo le persone che soffrono di malattie legate al benessere; “Ora con Expo cominciamo a sciogliere alcuni di questi nodi, per questa e per le prossime generazioni. Fino a 20 anni fa sembrava impossibile sconfiggere il cancro, eppure oggi in alcuni casi si può guarire completamente, così come nel tumore del seno il tasso di guarigione è dell’80%. Sono sfide che stiamo vincendo: purtroppo per la prevenzione spendiamo pochissimo in Europa e nel mondo occidentale, e quasi niente nel resto del mondo”, ha sottolineato il ministro.

Un caso emblematico è quello del diabete nell’adulto, scatenato dagli eccessi alimentari: “Facendo più prevenzione per questa patologia si potrebbero risparmiare 3 miliardi di euro solo in Italia, che si potrebbero reinvestire nel sistema sanitario”. E la cifra sarebbe ancora più grande se ci si impegnasse a fondo “ad esempio anche contro l’obesità, il cancro e le malattie sessualmente trasmissibili”. Far stare in salute i cittadini il più a lungo possibile, ha concluso il ministro, “è una sfida morale, ma anche di strategia di sistema”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*