Home » Gadget » Lo smartphone fornisce super-poteri ai pollici

Lo smartphone fornisce super-poteri ai pollici

Smartphone

Quando trascorriamo del tempo ad interagire con i nostri smartphone tramite il touchscreen, questo di fatto modifica il modo in cui pollici e cervello interagiscono fra loro. Un maggior uso del touchscreen nel passato recente si traduce direttamente in una maggiore attività cerebrale quando si toccano i pollici e la punta delle altre dita. Questi dati scaturiscono da una ricerca che ha avuto origine quando un gruppo di scienziati ha compreso che la nostra recente ossessione da smartphone potrebbe costituire una grande opportunità per esplorare la plasticità quotidiana del cervello umano: non soltanto la gente usa la punta delle proprie dita in un modo nuovo, ma molti di noi lo fanno massivamente giorno dopo giorno, sempre di più.

In più gli smartphone, per loro stessa natura, tengono traccia della nostra attività quotidiana, e si tratta di un database che i neuroscienziati possono sfruttare. Essi hanno studiato a lungo la plasticità cerebrale in gruppi particolari di persone, come ad esempio musicisti e videogamers, ma gli smartphone rappresentano l’opportunità di osservare il fenomeno a 360°. I ripetitivi movimenti sul lucido e liscio touchscreen, plasmano ex novo i processi sensoriali provenienti dalle mani, creando aggiornamenti quotidiani nella rappresentazione cerebrale della punta delle dita, il che porta ad un’idea davvero suggestiva: la “processazione” sensoriale corticale nel cervello contemporaneo verrebbe continuamente scolpita e modellata dalla tecnologia digitale personale. Cosa significherà esattamente l’influenza della tecnologia digitale nelle altre aree della nostra vita? Forse in futuro potremo rispondere anche a questa domanda, ma per adesso le notizie raccolte potrebbero non essere poi così buone. Alcuni dati, infatti, collegano un uso eccessivo degli smartphone a disfunzioni motorie e dolore. (Curr Biol online 2014, pubblicato il 23/12)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*