Home » Ambiente » L’iceberg A68 sta destabilizzando i ghiacci dell’Antartide

L’iceberg A68 sta destabilizzando i ghiacci dell’Antartide

In Antartide i ghiacci si muovono. Il distaccamento dell’iceberg A68 dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C, il 12 luglio 2017, potrebbe aver accelerato la velocità del ghiacciaio con il rischio di ulteriori destabilizzazioni. Intanto si è formato anche un gruppo di 11 iceberg più piccoli, il più grande dei quali è lungo più di 13 chilometri. Lo indicano i dati pubblicati su Nature Climate Change, da Anna Hogg, dall’Università britannica di Leeds e Hilmar Gudmundsson, del British Antarctic Survey (BAS).

A68
I due ricercatori stanno seguendo l’iceberg, grande 4 volte Londra, dal giorno del suo distaccamento utilizzando il satellite Sentinel-1 del programma Copernicus promosso da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea. Le osservazioni mostrano che il gigantesco iceberg si è allontanato di 5 chilometri dalla piattaforma Larsen C e intanto si è formato un gruppo di 11 iceberg più piccoli, che si sono staccati sia da A68, che dal restante ghiacciaio.

”Le immagini satellitari rivelano che le fratture continuino a crescere”, ha rilevato Hogg. L’evento di distacco, ha aggiunto, potrebbe aver provocato anche un’accelerazione significativa della velocità con cui il ghiaccio scorre in queste grandi piattaforme, con la conseguenza di ulteriori destabilizzazioni. ”Sembra – ha aggiunto – che la storia di Larsen C non sia ancora finita”.

Secondo i due esperti il distacco di questo grande iceberg potrebbe inoltre non essere dovuto necessariamente a cambiamenti nelle condizioni ambientali, ma potrebbe semplicemente riflettere il ciclo naturale di crescita e decadimento di una piattaforma di ghiaccio.

”Con questo grande evento di distacco – ha osservato Gudmundsson – e la disponibilità della tecnologia satellitare, abbiamo una fantastica opportunità di vedere questo esperimento naturale che si sta svolgendo davanti ai nostri occhi. Ci aspettiamo di comprendere meglio il processo che porta alla rottura dei ghiacciai e come la perdita di una sezione influisca sulle altre”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*