Home » Ambiente » Le infezioni umane si studiano sui moscerini della frutta

Le infezioni umane si studiano sui moscerini della frutta

Moscerini della frutta e uomini utilizzano la stessa proteina per reagire agli attacchi dei batteri. A rivelarlo su Cell Reports sono i ricercatori della Washington State University.

“Pur con le enormi differenze che esistono tra gli esseri umani e questi insetti, il cui comune antenato risale a ben 800 milioni di anni fa, la proteina da loro impiegata per attivare il sistema immunitario è quasi identica”, commenta Alan Goodman, coordinatore dello studio. “La chiave è che il meccanismo è lo stesso”, continua.

La proteina in questione si chiama Sting, e agisce richiamando i globuli bianchi quando l’organismo è sotto l’attacco di virus e batteri. I ricercatori hanno esposto i moscerini della frutta al batterio della listeria, che si può trovare in acqua o cibo contaminato, e hanno visto che la sua proteina Sting è geneticamente simile a quella umana, nell’attivare la risposta immunitaria dell’organismo.

Una scoperta che può essere utile anche per ridurre le sperimentazioni sull’essere umano e  su altri animali e capire quali sono i geni che guidano la risposta immunitaria. “Possiamo usare i moscerini della frutta – conclude Goodman – per fare esperimenti genetici e capire quali meccanismi ci sono dietro queste proteine”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*