Home » Medicina » Le coronaropatie possono accelerare il deterioramento cognitivo

Le coronaropatie possono accelerare il deterioramento cognitivo

(Reuters Health) – Gli adulti con coronaropatie sono più inclini al deterioramento cognitivo rispetto ai loro coetanei che non soffrono di queste patologie.

Per circa 12 anni, i ricercatori dell’Università di Turku, in Finlandia, hanno seguito 7.888 adulti, partendo da quando avevano in media 62 anni. All’inizio dello studio, nessuno aveva avuto ictus, infarto del miocardio, angina o demenza nell’anamnesi.

Prima della fine dello studio, 480 persone, il 5,6% dei partecipanti, hanno avuto un infarto al miocardio o hanno sviluppato angina. Prima di questi eventi e subito dopo, i pazienti hanno mostrato tassi annuali di deterioramento cognitivo simili a quelli dei partecipanti che non avevano avuto infarto miocardico o angina.

Invece, qualche tempo dopo la diagnosi di infarto al miocardio o angina, i pazienti hanno manifestato un deterioramento cognitivo più rapido rispetto alle loro controparti Inoltre, anche in termini di abilità verbali, fluidità delle parole e capacità critiche.

“Anche una leggera impennata nel deterioramento cognitivo potrebbe accelerare l’invecchiamento cognitivo,vero e proprio”, commenta Suvi Rovio, autrice principale dello studio.”Pertanto, i pazienti che hanno avuto un evento cardiovascolare dovrebbero essere monitorati per la loro funzione cognitiva non solo intensamente dopo l’evento, ma anche frequentemente, e il monitoraggio dovrebbw continuare per un periodo più lungo dopo l’evento”.

Fonte: Journal of the American College of Cardiology 2019

(Versione italiana uotidiano Sanità/ Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*