Home » Medicina » La resistenza agli antibiotici ucciderà più dei tumori

La resistenza agli antibiotici ucciderà più dei tumori

Entro il 2050 la resistenza agli antibiotici potrebbe diventare molto più pericolosa del cancro e se non riuscirà a mettervi un freno “le infezioni batteriche uccideranno più persone dei tumori”. A lanciare l’allarme è Guido Rasi, direttore esecutivo dell’Agenzia europea dei farmaci (Ema), nel suo messaggio in occasione della Settimana mondiale di consapevolezza antibiotica.

“Infezioni comuni come polmonite, tubercolosi, sepsi e gonorrea stanno diventando sempre più difficili da trattare”, rileva. Quello della resistenza agli antibiotici, secondo il direttore dell’Ema, è un problema che colpisce l’uomo e gli animali in ogni parte del mondo, e che richiede lo sforzo e il coinvolgimento di tutti per essere combattuto.

Gli allevatori devono ridurre la quantità di antibiotici che danno al bestiame, mentre i medici devono pensarci due volte prima di prescrivere gli antibiotici ai loro pazienti. “Devono agire in modo responsabile – continua Rasi – anche coloro che prendono un antibiotico senza prescrizione o solo per trattare un raffreddore o un’influenza, mentre le aziende farmaceutiche devono impegnarsi di più a sviluppare nuovi antibiotici. Bisogna agire adesso, perché infezioni comuni non tornino ad uccidere”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*