Home » Medicina » La radiochirurgia può non aumentare il rischio di neoplasie intracraniche

La radiochirurgia può non aumentare il rischio di neoplasie intracraniche

(Reuters Health) – I pazienti sottoposti a radiochirurgia stereotassica per lesioni benigne non sembrano avere un rischio aumentato di trasformazione maligna, secondo quanto mostrano i nuovi risultati di uno studio canadese.

“Le prove disponibili suggeriscono la sicurezza a lungo termine della radiochirurgia stereotassica e potrebbero supportare i medici che consigliano i pazienti sulla radiochirurgia stereotassica Gamma Knife”, hanno dichiarato Amparo Wolf e colleghi della University of Ontario su The Lancet Oncology.

Casi di pazienti che hanno sviluppato nuovi tumori dopo la radiochirurgia intracranica sono stati pubblicati, ma non sono stati condotti studi più ampi con follow-up a lungo termine, hanno osservato ancora gli autori.

I ricercatori hanno esaminato 4.905 pazienti trattati in cinque centri internazionali di radiochirurgia negli Stati Uniti e in Europa per malformazioni artero-venose, nevralgia del trigemino o tumori intracranici benigni con chirurgia Gamma Knife. Tutti avevano almeno cinque anni di dati di follow-up e nessuno aveva ricevuto precedentemente la radioterapia.

Durante un follow-up mediano di 8,1 anni, la sospetta trasformazione maligna si è verificata in due dei 3.251 pazienti con tumori benigni (0.0006%, incidenza 6,87 per 100.000 anni paziente).

Un paziente ha sviluppato una nuova neoplasia intracranica (0,0002%, 2,26 per 100.000 anni paziente), che è stata considerata correlata al trattamento poiché si è verificata all’interno del campo di radiazioni. Due pazienti hanno invece sviluppato neoplasie intracraniche che non erano all’interno del campo di radiazioni.

Complessivamente, l’incidenza di neoplasie associate alla radiochirurgia è stata di 6,8 su 100.000 anni, simile al rischio di sviluppare un tumore maligno nel sistema nervoso centrale per la popolazione generale degli Stati Uniti e parte dell’Europa, che varia da 3,1 a 9,1 per 100.000 anni-paziente, hanno ricordato gli autori.

“Sulla base dei risultati di questo studio, per i pazienti sottoposti a radiochirurgia stereotassica primaria o di salvataggio per un tumore cerebrale istologicamente benigno, il rischio di trasformazione neoplastica o quello di avere una nuova neoplasia intracranica indotta da radiazioni dopo radiochirurgia è bassa e simile a quella dell’incidenza annuale dei tumori primitivi neuroectodermici nella popolazione generale, anche a seguito di follow-up a lungo termine (più di 10 anni)”, hanno concluso.

“Siamo d’accordo con Wolf e colleghi sul fatto che il rischio complessivo di tumori secondari appare rassicurantemente basso a 10 anni, e questa preoccupazione da sola non dovrebbe precludere la radiochirurgia stereotassica, se giustificata”, hanno scritto Alejandro Berlin e colleghi della University Health Network di Toronto in un commento che accompagna lo studio.

“Con una lunga sopravvivenza attesa dai pazienti con condizioni benigne, è prudente difendere risultati a lungo termine adeguatamente quantificati (> 15-20 anni) per guidare strategie decisionali e strategie di sorveglianza giudiziose”, hanno concluso.

Reuters Staff

Fonte: Lancet Oncol 2018

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*