Home » Astronomia » La materia oscura causa estinzioni di massa e sconvolgimenti geologici?

La materia oscura causa estinzioni di massa e sconvolgimenti geologici?

Disco galattico

Il lento ma prevedibile cammino della Terra lungo il disco della nostra galassia potrebbe avere un effetto diretto e significativo sui fenomeni geologici e biologici che avvengono sulla Terra stessa. Una recente ricerca ha, infatti, concluso che il movimento attraverso la materia oscura potrebbe perturbare l’orbita delle comete e portare ad un ulteriore riscaldamento nel nucleo terrestre, entrambi elementi che potrebbero essere connessi ai fenomeni di estinzione di massa.

Il disco galattico è la regione della Via Lattea dove risiede il nostro Sistema Solare: esso è pieno di stelle e nubi di gas e polveri e contiene probabilmente anche un’elevata concentrazione di materia oscura, un insieme di particelle subatomiche che possono essere rilevate grazie ai loro effetti gravitazionali. Precedenti studi hanno dimostrato che la Terra ruota intorno al disco galattico ogni 250 milioni di anni, e l’andamento altalenante di questo moto sembra essere correlato in qualche modo ai momenti degli impatti delle comete ed agli eventi di estinzione di massa.

La famosa cometa, che circa 66 milioni di anni fa avrebbe portato all’estinzione dei dinosauri, sarebbe solo un esempio di questo processo. Viaggiando lungo il disco, la materia oscura che vi è concentrata disturberebbe l’orbita tipica delle comete che di solito passano lontano dalla Terra nelle porzioni esterne del Sistema Solare, ed alcune di esse finirebbero con l’entrare in rotta di collisione con il nostro pianeta. La materia oscura, inoltre, si accumulerebbe progressivamente nel nucleo terrestre e, successivamente, le particelle che la compongono si annienterebbero l’una con l’altra, producendo una notevole quantità di calore. Questo calore potrebbe poi scatenare eventi come eruzioni vulcaniche, creazione di catene montuose, inversioni del campo magnetico e variazioni nei livelli dei mari. ( Monthly Notices of the Royal Astronomical Society online 2015, pubblicato il 19/2)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*