Home » Medicina » La gotta favorisce l’osteoporosi?

La gotta favorisce l’osteoporosi?

(Reuters Health)-Le persone che soffrono di gotta potrebbero avere maggiori probabilità di sviluppare osteoporosi, circa il 20% in più rispetto a coloro che non sono affetti da questa malattia metabolica. Un gruppo di ricercatori di Taiwan ha condotto uno studio osservazionale sulla popolazione per indagare su una possibile associazione tra gotta e sviluppo successivo dell’osteoporosi.

Lo studio
Victor C. Kok e il suo team, dell’Università di Taiwan, hanno analizzato retrospettivamente i dati di un campione casuale di un milione di soggetti con almeno 20 anni di età. I dati provenivano dal Dataset di assicurazione sanitaria longitudinale di Taiwan. In tutto, 36.458 pazienti con diagnosi di gotta sono stati associati a una coorte di confronto di 71.602 persone senza gotta. L’età media della coorte era di circa 52 anni e il 73% erano individui di sesso maschile. Rispetto alle persone senza gotta, chi era affetto da questa patologia mostrava tassi di base significativamente più elevati di obesità patologica, fumo e alcol, ipertensione, dislipidemia, diabete, malattie renali e artrite reumatoide. Il follow-up è andato avanti per otto anni, ma lo studio ha escluso gli esiti dell’osteoporosi nei primi tre anni di follow-up.

I risultati
In totale, 517 partecipanti nella coorte con gotta e 811 della coorte non affetta da gotta hanno ricevuto diagnosi di osteoporosi. In un modello di Cox aggiustato multivariabile, la gotta era associata a un rapporto di rischio significativamente maggiore per la frattura da osteoporosi(HR, 1,2, intervallo di confidenza al 95%, 1,06-1,35). Tuttavia, l’HR era statisticamente significativo solo per gli uomini con la gotta, ma non per le donne. Il rischio di frattura da osteoporosi è stato associato anche ad un aumento dell’età nella coorte con gotta.

Fonte: Osteoporosis International

Scott Baltic

(Versione italiana per Daily Health Industry)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*