Home » Medicina » Ipotermia: studio ne rivaluta l’efficacia nell’arresto cardiaco

Ipotermia: studio ne rivaluta l’efficacia nell’arresto cardiaco

(Reuters Health) – L’ipotermia offre solo un modesto beneficio per i pazienti in coma che sono stati rianimati da arresto cardiaco con un ritmo non defibrillabile. È quanto emerge dallo studio Hyperion condotto su 581 pazienti in 25 unità di terapia intensiva francesi e pubblicato dal New England Journal of Medicine.

Solo il 5,7% di quelli non trattati con ipotermia ha registrato un punteggio favorevole di 1 o 2 sulla scala della categoria della prestazione cerebrale a 6 punti entro il giorno 90; il 10,2% dei pazienti le cui temperature corporee sono state abbassate a 33° C per 24 ore ha avuto un punteggio di 1 o 2 (P = 0,04). Tuttavia, la mortalità a 90 giorni per i due gruppi è stata praticamente identica: 81,3% con ipotermia e 83,2% senza.

Un punteggio di 1 indica una disabilità minore. Un punteggio di 2 indica una disabilità moderata. Il tempo mediano alla randomizzazione è stato di 233 minuti nel gruppo ipotermia e 219 minuti nel gruppo controllo. L’ipotermia è in genere iniziata 16 minuti dopo la randomizzazione. Il protocollo per indurre e mantenere l’ipotermia non è stato controllato.
.
Il miglior trattamento della temperatura per questo gruppo non è chiaro. Mentre le linee guida dell’International Liaison Committee on Resuscitation richiedono la terapia in ipotermia per tutti i pazienti con coma dopo una rianimazione di successo per arresto cardiaco, recenti studi sulla questione hanno prodotto risultati contrastanti.

“Questa incertezza richiede una risoluzione, perché i ritmi non defibrillabili ora prevalgono tra i pazienti con arresto cardiaco e sono associati a una prognosi sfavorevole, con solo il 2-15% dei pazienti con buoni risultati neurologici, rispetto a quasi il 65% dei pazienti che hanno un arresto cardiaco con un ritmo defibrillabile”, ha scritto il gruppo di ricerca, guidato da Jean-Baptiste Lascarrou del Centro ospedaliero universitario di Nantes.

Le analisi dei sottogruppi non hanno mostrato tendenze evidenti. In circa i due terzi dei pazienti, la presunta causa di arresto cardiaco era non cardiaca; l’asfissia è stata la causa in circa il 55% dei casi.

La causa più comune di morte è stata la sospensione dal supporto vitale, che si è verificata in oltre il 61% dei pazienti.

I tassi di sopravvivenza alla dimissione in terapia intensiva e la sopravvivenza alla dimissione in ospedale non sono state significativamente differenti tra i due gruppi. “Non abbiamo rilevato effetti dannosi significativi dell’ipotermia a 33°C rispetto alla normotermia mirata”, ha concluso l’esperto.

Fonte:N Engl J Med 2019

Reuters Staff
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*