Home » Medicina » Ipertensione, diabete e obesità legati ad insufficienza cardiaca tradiva

Ipertensione, diabete e obesità legati ad insufficienza cardiaca tradiva

cuore ritmo(Reuter Health) – Le persone che raggiungono la mezza età senza sviluppare ipertensione, diabete o obesità potrebbero avere un minor rischio di insufficienza cardiaca nel resto della vita. A suggerirlo è un recente studio statunitense.

Comparati alle persone con tutti e tre i fattori di rischio, gli adulti che non ne avevano nessuno all’età di 45 anni, presentavano il 73% di probabilità in meno di sviluppare insufficienza cardiaca negli anni a venire. E quando le persone raggiungevano i 55 anni senza uno qualsiasi di questi fattori di rischio, le probabilità in meno di sviluppare un problema di cuore erano salite all’83%. “Prevenire l’insorgenza di ipertensione, diabete e obesità abbassa notevolmente il rischio di soffrire di insufficienza cardiaca e aumenta il numero medio di anni in cui vivrà in buona salute – ha dichiarato l’autore senior dello studio John Wilkins della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago – i vantaggi della prevenzione nell’insorgenza dei fattori di rischio superano di gran lunga i benefici conseguenti al trattamento dei fattori di rischio dopo che si sono manifestati”.

Negli Stati Uniti circa 5,7 milioni di adulti soffrono di insufficienza cardiaca, hanno rilevato i ricercatori in una nota sul Journal of American College of Cardiology. Queste persone devono affrontare una significativa riduzione della qualità della vita e tassi di mortalità più elevati. L’ipertensione, il diabete e l’obesità sono fattori di rischio con forte prevalenza ma possono essere prevenuti insieme all’insufficienza cardiaca. Esaminando i dati di decine di migliaia di uomini e donne americani i ricercatori hanno riscontrato che il 53% di questi non ha avuto il diabete, l’ipertensione e l’obesità a 45 anni e che meno dell’1% a quell’età ha avuto tutti e tre i fattori di rischio. A 55 anni, circa il 44% ancora non aveva manifestato i tre fattori di rischio e solo il 2,6% ne riportava la presenza. Sono stati identificati 1.677 casi di insufficienza cardiaca dopo i 45 anni e 2.976 dopo i 55 anni.

I soggetti che a 45 e a 55 anni non presentavano i tre fattori di rischio avevano meno probabilità di ammalarsi di insufficienza cardiaca nell’età avanzata e questo era vero per tutti i partecipanti. I 45enni senza i tre fattori di rischio hanno vissuto in media 10,6 anni in più liberi da problemi cardiaci rispetto agli uomini che avevano i tre fattori di rischio, mente le donne 45enni senza i tre fattori di rischio hanno vissuto una media di 14,9 anni più a lungo senza scompenso cardiaco. Le persone senza diabete nella mezza età hanno vissuto una media di 8,6 e 10,6 anni in più senza insufficienza cardiaca rispetto a chi aveva il diabete.

Nonostante i limiti, lo studio aggiunge prove robuste che collegano diabete, ipertensione obesità a un rischio elevato di sviluppare insufficienza cardiaca. “Tutte e tre le condizioni cliniche sono fattori di rischio per malattia coronarica e le persone che ne soffrono sono predisposte a sviluppare un’insufficienza cardiaca – ha osservato Mary Norine Walsh, direttore medico del reparto di scompenso cardiaco e trapianto di cuore del St. Vincent Heart Center di Indianapolis – mantenere il peso corporeo sotto controllo è un fatto che paga più avanti nella vita, e il monitoraggio della pressione sanguigna e della glicemia attraverso il medico curante sono fondamentali. Evitare queste tre patologie può aggiungere anni alla nostra vita”.

Fonte: Journal of American College of Cardiology

Autore: Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*