Intelligenza artificiale legge il Parkinson negli occhi

L’intelligenza artificiale potrebbe essere in grado di diagnosticare precocemente il Parkinson scrutando una foto del fondo dell’occhio, esaminando piccole anomalie della retina. È la prospettiva rivelata in una ricerca presentata al meeting della Radiological Society of North America (RSNA).

Diretto da Maximillian Diaz, ingegnere biomedico presso la University of Florida a Gainesville, lo studio ha portato allo sviluppo di un software dell’intelligenza artificiale che e’  in grado di riconoscere un paziente con Parkinson anche in fase iniziale di malattia riscontrando piccole micro-anomalie retiniche, in particolare a carico del microcircolo vascolare della retina.

Il morbo di Parkinson e’  una malattia neurodegenerativa che colpisce milioni di persone nel mondo: in genere la diagnosi avviene tardivamente quando sono gia’  comparsi i sintomi (tremori, rigidita’  muscolare, problemi di equilibrio e nei movimenti), quindi quando gia’  il cervello del paziente ha subito non poche lesioni irreversibili.

Gli esperti ritengono che le anomalie retiniche compaiano in fase piu’  precoce di malattia e che, quindi, fare la diagnosi con una foto della retina – oltre ad essere meno costoso, piu’  facile, piu’  rapido – potrebbe veramente consentire la diagnosi precoce e quindi una migliore gestione del paziente; da ultimo, potrebbe consentire di prevenire o comunque rallentare la progressione della malattia non appena si renderanno disponibili farmaci che contrastino la neurodegenerazione.

Post correlati

Lascia un commento

*