Home » Ambiente » Insetti in casa? Ad ognuno la sua stanza preferita

Insetti in casa? Ad ognuno la sua stanza preferita

Ogni piccolo insetto ha il suo habitat ideale non solo in natura, ma anche in casa. Le nostre abitazioni, anche quelle tirate a lucido, sono infatti popolate da tanti piccoli ospiti e ognuno predilige un ambiente preciso. Dalla cucina alla camera da letto le nostre case fanno da dimora a coccinelle, cavallette, ragni, acari, millepiedi, moscerini e coleotteri.

La “cameretta” preferita dagli insetti
A indicare dove gli insetti preferiscono abitare nelle nostre case è il primo censimento degli ospiti indesiderati delle case pubblicato sulla rivista Scientific Reports e condotto tra Stati Uniti ed Europa, da Accademia delle Scienze della California, Università del North Carolina e Museo di Storia naturale della Danimarca.

I pesciolini d’argento e i ‘mordilibri’ preferiscono il soggiorno, soprattutto se ci sono librerie, ma insieme con moscerini e coccinelle, non disdegnano comunque cucine, bagni e camere da letto, a patto di condividere il loro territorio con ragni, acari, millepiedi, alcune specie di cavallette e coleotteri.

Andando a scovare gli ospiti indesiderati che da almeno 20.000 anni continuano a imporre la loro presenza nelle case dell’uomo, i ricercatori coordinati da Misha Leon, dell’Accademia delle Science della California, hanno scoperto che sono molto più numerosi di quanto fosse possibile prevedere.

Hanno inoltre accertato che nulla può spaventarli e continuano tranquillamente a soggiornare nelle stanze più trafficate, come il soggiorno, soprattutto se ricche di tappeti, porte e finestre. nemmeno cani e gatti li disturbano né li spaventano.

Il censimento è stato condotto negli Stati Uniti, in 50 case di Raleigh, nel North Carolina, ma la ricerca fa parte di una campagna internazionale molto più vasta che si propone di scoprire da dove arrivino, come si ambientino così facilmente e soprattutto quale sia l’impatto sull’uomo di questa stretta ma indesiderata convivenza.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*