Home » Medicina » Influenza: se le mamme si vaccinano, rischio neonati scende del 60%

Influenza: se le mamme si vaccinano, rischio neonati scende del 60%

bimbo(Reuters Health) – Uno studio statunitense, pubblicato su Pediatrics, conferma che il rischio per i neonati di essere colpiti dal virus influenzale è molto basso se le loro mamme si sono sottoposte a vaccinazione durante la gravidanza. Secondo quanto emerso dallo studio, prima dei sei mesi, i bimbi nati da madri vaccinate avevano circa il 64% in meno delle probabilità di avere sintomi influenzali e il 70% in meno delle possibilità di avere infezioni rispetto ai figli di donne che non erano state vaccinate durante la gravidanza.

I medici raccomandano alle donne in gravidanza di sottoporsi alle vaccinazioni contro l’influenza, poiché il virus è legato a complicazioni come parti prematuri e il vaccino aiuta proteggere i neonati dal contrarre l’influenza prima che possano essere vaccinati, a partire dai sei mesi di età.

Lo studio
Per valutare la prevalenza e gli esiti della vaccinazione antinfluenzale in gravidanza, Shakib e colleghi hanno analizzato i dati raccolti tra il 2005 e il 2014 su circa 500.000 madri e bambini. Al momento del parto, i ricercatori hanno chiesto alle donne se erano state vaccinate nei precedenti nove mesi. Circa in 23.000 hanno risposto affermativamente, mentre 222.000 hanno detto di no. Nei primi sei mesi di vita, 32 neonati da madri vaccinate hanno sviluppato sintomi simil-influenzali, rispetto agli 834 nati da donne non vaccinate..

Durante quei primi sei mesi, 20 figli di madri vaccinate hanno avuto un’influenza confermata dagli esami di laboratorio, mentre tra le madri non vaccinate il numero dei casi di influenza dei bimbi è salito a 638. I ricercatori hanno anche studiato come le ondate dei ceppi influenzali H1N1 verificatesi nel 2009 e nel 2010 hanno influenzato la vaccinazione durante la gravidanza.

In quattro stagioni influenzali che hanno preceduto la pandemia, circa il 2.2% delle madri è stato vaccinato durante la gravidanza. Successivamente, il tasso medio di vaccinazione è salito al 21 percento, con più della metà delle donne in gravidanza che ha ricevuto il vaccino antinfluenzale durante l’ultima stagione influenzale considerate nello studio.

I commenti
“Un limite dello studio è il suo affidarsi alle madri per richiamare e riportare accuratamente se sono state vaccinate durante la dolce attesa”, hanno osservato gli autori. Inoltre, mancavano i dati sul quando le donne incinte sono state vaccinate o su quali ceppi dei virus risultavano coperti dalle inoculazioni.

“In ogni caso, questo ampio studio fornisce più evidenze del fatto che quando le donne sono immunizzate contro l’influenza durante la gravidanza, i loro figli hanno meno probabilità di ricevere una diagnosi di influenza nei primi sei mesi di vita”, ha affermato l’autrice principale, Dr. Julie Shakib, della University of Utah di Salt Lake City.

“Quando le donne in attesa contraggono l’influenza, sono soggette a un maggior rischio di ricovero, degenza in terapia intensiva e decesso rispetto alle donne non incinte”, ha detto il Dr. Leonardo Pereira, esperto di medicina materno-fetale alla Oregon Health and Science University, non coinvolto nello studio.”Inoltre, le donne non vaccinate colpite dall’influenza sono anche contagiose e possono infettare altre persone della loro comunità”.

Fonte: Pediatrics 2016

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*