Infarto acuto del miocardio: rischia di più chi soffre di alopecia areata

(Reuters Health) – Secondo un ampio studio condotto in Corea del Sud, i pazienti con alopecia areata sembrano essere maggiormente esposti al rischio di infarto acuto del miocardio.

I ricercatori – guidati da Jung-Won Shin del Seoul National University Bundang Hospital di Seongnam – hanno esaminato i dati relativi alle assicurazioni nazionali e agli screening individuando oltre 228.000 pazienti, di età compresa tra i 30 e gli 89 anni, che avevano ricevuto diagnosi di alopecia areata tra il 2006 e il 2017. Questa popolazione è stata confrontata con oltre 4,5 milioni di controlli.

Ad eccezione del fumo, i pazienti con alopecia areata tendevano ad avere profili di rischio cardiovascolare “leggermente migliori” rispetto ai controlli e presentavano un’incidenza cumulativa inferiore nel medio termine (da due a quattro anni) di infarto acuto del miocardio.

Tuttavia, con il passare del tempo, è stato rilevato un aumento esponenziale del rischio nei pazienti con alopecia arata e l’hazard ratio aggiustato è diventato statisticamente significativo entro otto/dieci anni dei 12 di follow-up.

Negli ultimi due anni (dai 10 ai 12 anni), l’aHR è complessivamente risultato pari a 4.51 (intervallo di confidenza al 95%, dal 3,65 a 5,58).

Il pattern è risultato simile a prescindere dal fatto che i pazienti fossero o meno fumatori, ma il rischio risultava ancora maggiore per chi fumava. Lo stesso valeva per le persone di sesso maschile e per quelle con un’età inferiore a 50 anni.

Fonte: JAMA Dermatology
David Douglas
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*