Home » Medicina » Il Robert Koch Award 2016 ad Alberto Mantovani. Dopo 30 anni il premio a un italiano

Il Robert Koch Award 2016 ad Alberto Mantovani. Dopo 30 anni il premio a un italiano

mantovanipgIl prof. Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e docente all’Humanitas University, è il vincitore del prestigioso Robert Koch Award 2016 per la Medicina, il più importante riconoscimento tedesco assegnato annualmente per l’eccellenza nel campo delle Scienze biomediche. Con i suoi studi, il prof. Mantovani ha dimostrato che i meccanismi dell’immunità e dell’infiammazione sono sottesi a malattie fra loro molto diverse, dai tumori alle patologie cardiovascolari e neurologiche come infarto e ictus, dalle malattie degenerative a quelle auto-infiammatorie. Queste scoperte hanno portato ad un cambiamento di paradigma in Medicina: le malattie non sono sostenute esclusivamente da agenti infettivi, ma anche da un “dialogo sbagliato” fra le cellule del sistema immunitario.

Il Robert Koch Award, istituito nel 1970 e intitolato al fondatore della moderna batteriologia e microbiologia, cui si deve la scoperta del batterio (Mycobacterium tuberculosis) responsabile della tubercolosi, premia scoperte innovative in Medicina. L’importanza del Robert Koch Award e’ testimoniata dal fatto che 11 dei premiati sono stati successivamente insigniti del Nobel per la Medicina. Il prof. Alberto Mantovani è il secondo italiano ad aggiudicarsi questo riconoscimento. “Sono molto felice – afferma – per questo riconoscimento, che premia in realtà non solo me ma, per mio tramite, anche i miei collaboratori, i miei tecnici ed i miei giovani, con cui ho lavorato negli anni e che mi hanno permesso di arrivare fino a qui. Riprendendo una citazione di Bernardo di Chartres, credo di essere un nano sulle spalle dei giganti che lo hanno vinto prima di me, ma sono molto contento anche per il fatto che, dopo quasi 30 anni, il premio sia stato assegnato di nuovo ad un italiano”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*